18/07/2019 ore 13:14
Rumeno tenta di violentare una donna nella sala di aspetto della stazione, poi la picchia e le ruba soldi e telefonino
Tentata violenza carnale e rapina: due capi di accusa pesanti dei quali dovrà rispondere un cittadino rumeno di 38 anni arrestato dai carabinieri della compagnia di Amelia. I fatti sono accaduti all’interno della stazione ferroviaria di Alviano Scalo nel pomeriggio di mercoledì. Erano circa le 14,15 quando da un treno proveniente da Chiusi e diretto a Roma Termini è scesa una donna di 47 anni residente a Siena. Il rumeno, un pregiudicato domiciliato in provincia di Cosenza, era anche lui a bordo del treno ed evidentemente aveva puntato la “preda”, tanto che una volta scesa ha cominciato a seguirla. La stazione di Alviano è piccola e quindi la donna non deve avere impiegato molto a raggiungere la piccola sala di aspetto, che in quel momento era deserta. Il rumeno ha fatto immediatamente capire le sue intenzioni alla poveretta: le si è avvicinato ed avrebbe cominciato a toccarla, spingendola verso una panca e tentando di strapparle i vestiti di dosso. La donna ha reagito, gridando e tentando di respingere l’aggressore che a quel punto avrebbe iniziato a picchiarla; poi, vista la mal parata, l’uomo ha pensato di darsi alla fuga, non prima però di aver rapinato la malcapitata dei pochi soldi che aveva con se e del telefonino. Nel frattempo le grida della donna erano state udite dalla gente che si trovava nei pressi della stazione e quindi è scattato l’allarme. Sul posto è arrivata pochi minuti dopo un’auto dei carabinieri della stazione di Guardea ed una ambulanza del 118. La 47enne, sotto shock, è stata trasportata all’ospedale di Amelia dove è stata medicata per delle contusioni e delle escoriazioni ed è stata poi dimessa. I militari nel frattempo hanno passato al setaccio l’intera zona adiacente alla stazione ferrovia e poco dopo hanno intercettato il rumeno che aveva ancora indosso sia i soldi che il telefonino che aveva rubato poco prima alla poveretta. Per lui è scattato l’arresto, con l’immediato trasferimento al carcere di Sabbione dove si trova rinchiuso in attesa di essere ascoltato dal magistrato.
24/7/2008 ore 16:15
Torna su