20/07/2019 ore 07:34
Giove: dal 20 al 27 luglio nelle vie del borgo torna la sedicesima edizione del festival "Il sole, la luna"
Dal 20 al 27 luglio a Giove avrà luogo la XVIª edizione del festival “Il Sole, la Luna”. La manifestazione è promossa dal Comune di Giove, con il patrocinio della Provincia di Terni e con l’organizzazione della Pro loco. L’evento culturale di musica ed arte si svolgerà nel centro storico, teatro naturale per i concerti serali e le botteghe artigiane, e al castello ducale che ospita mostre di pittura e scultura di affermati artisti. “Il sole, la Luna”, nato all’interno della pro-loco, che ne detiene la direzione artistica ed organizzativa, ha in questi anni notevolmente sviluppato e migliorato logistica e qualità artistica, assumendo una valenza culturale e turistica che ha convinto l’Amministrazione comunale ad elevare il Festival a “bene artistico” da conservare e tutelare. Le motivazioni sono da ricercarsi nella sua originalità con tematiche e percorsi culturali particolari legati ai grandi temi della solidarietà, della pace e delle diversità etniche. Alle mostre e agli spettacoli musicali e teatrali si è affiancata un’importante attività di promozione dei prodotti tipici locali con degustazioni ed assaggi. “La cultura enogastronomica, legata alle tradizioni della campagna amerina – è stato detto oggi - è una risorsa del territorio da valorizzare e che anche per quest’anno ha trovato l’attenzione del Gal del Ternano con l’inserimento del Festival nel progetto Laboratorio del Gusto, finanziato con fondi europei”. Anche quest’anno si attende un pubblico numeroso fatto di migliaia di persone provenienti da tutta la provincia e dalle regioni limitrofe, fatto che consente di attribuire al Festival una valenza anche turistica. “E’ un evento atteso durante la stagione estiva – è stato osservato da Sganappa, Parca e Benigni - che ha rivitalizzato anche quest’anno il centro storico e ha permesso ai numerosi ospiti di conoscere ed apprezzare non solo la comunità ed il territorio di Giove ma anche l’intero Amerino, contribuendo alla crescita delle presenze nelle strutture di accoglienza turistica. Gli obiettivi conseguiti sono quindi, duplici: il primo comporta la crescita sociale e culturale della nostra comunità che vive in quei giorni forti momenti di integrazione con gli artisti presenti e positivi scambi culturali, utili soprattutto alle nuove generazioni. Il secondo riguarda la crescita economica che da alcuni anni, venuti meno gli insediamenti produttivi nell’area industriale, è ancorata sempre di più alla piccola imprenditoria locale nel settore edilizio, commerciale e dell’accoglienza e ricezione turistica. Fondamento di questa nuova economia è il migliore utilizzo delle principali risorse del territorio, ossia ambiente, centri storici, tradizioni ed eventi”.
18/7/2008 ore 5:43
Torna su