15/07/2019 ore 21:55
Terni: minacce e violenze alla ex convivente, nei guai un quarantenne in casa del quale sono state trovate piante di canapa indiana
Espulso dal territorio comunale. Un provvedimento singolare, che si è reso necessario dopo che l’uomo, un teranno di 40 anni, si era reso protagonista di gravi atti di violenza commessi nei confronti della sua ex convivente. Stando a quanto riferito dalla Questura di Terni, all’uomo è stata comminata una misura cautelare di divieto di dimora nel comune di Terni, disposta dal Gip del locale Tribunale che ha prescritto al 40enne l’obbligo di non dimorare nel territorio del comune di Terni e di non accedervi senza l’autorizzazione del giudice. A dare origine alla particolare misura restrittiva è stata una denuncia fatta dalla ex convivente dell’uomo, la quale ha riferito alla polizia di aver subito violenze fisiche e psicologiche durante tutto il periodo della convivenza. L’uomo si sarebbe lasciato andare a continue scenate ed a scatti di ira violenta, ed avrebbe ingiuriato continuamente la donna arrivando a minacciarla gravemente e realizzando una vera e propria attività di coartazione sulla libertà di volere e di agire della medesima, tale da indurla a cambiare le proprie abitudini di vita, a rimanere chiusa in casa per lunga parte della giornata. Il comportamento dell’uomo sarebbe stato dettato dalla sua volontà di costringere la donna a riprendere il rapporto di convivenza. La situazione familiare della coppia era già stata segnalata dall’Ufficio Minori al Tribunale per i Minorenni di Perugia, ed ha avuto il suo epilogo quando l’uomo nei giorni scorsi ha preso il figlio, nato dall’unione con la ex convivente, e lo ha portato con lui in vacanza, sottraendolo con un artifizio alla madre e tenendo nascosto a quest’ultima il luogo di villeggiatura. L’Ufficio Minori, nell’ambito delle attività di ricerca del minore, si è recato nell’abitazione del padre del bambino, rinvenendo, celate dietro ad alcuni oggetti riposti sul pianerottolo terrazzato del suo appartamento, sedici piante di canapa indiana (maryuana) in perfetto stato di conservazione e materiale per la loro coltivazione. In casa dell’uomo gli agenti hanno rinvenuto anche 4,2 grammi di cocaina, danaro in contante per 210 euro, bilancini di precisione per la pesatura dello stupefacente e altro materiale per il confezionamento delle dosi di stupefacente. Al suo rientro a Terni l’uomo ha riconsegnato il figlio alla ex convivente. Per questi fatti l’autorità giudiziaria ha aperto due distinti procedimenti penali nei confronti dell’uomo: uno per i reati di violenza privata e di maltrattamenti familiari in danno della ex convivente, per il quale il Gip del Tribunale ha disposto la misura cautelare, l’altro per la detenzione di sostanze stupefacenti finalizzata allo spaccio, per il quale sono in corso indagini.
16/7/2008 ore 13:59
Torna su