23/08/2019 ore 06:29
Terni: sequestrate dalla Guardia di Finanza centinaia di confezioni di dentifricio "irregolare" a commercianti cinesi
Dentifricio di dubbia provenienza. Messo in commercio da cittadini cinesi e sequestrato dalla Guardia di Finanza di Terni. Le fiamme gialle ternane sono intervenute a seguito di una segnalazione pervenuta al 117. I militari disponvano così dei controlli presso un negozio di Terni ed un magazzino all'ingrosso di Roma, ubicato nel quartiere Prenestino. Entrambe le attività sono risultate intestate a cittadini cinesi. L'attività svolta consentiva il sequestro di 250 confezioni di tubetti di dentifricio recanti indicazioni non in lingua italiana e quindi in violazione delle norme del codice sul consumo, che prevedono, al fine di consentire la tracciabilità del prodotto, e anche allo scopo di mettere in condizione l'acquirente consumatore di valutarne la qualità, che le indicazioni sulla scatola siano anche in lingua italiana. Sono stati inoltre sequestrati 100 pezzi di materiale elettrico in quanto privi del marchio CE e quindi non in regola con le norme sulla sicurezza e sono anche stati posti sotto sequestro altri 80 capi di materiale sanitario (cavigliere, polsiere , ginocchiere) in quanto mancanti delle dovute avvertenze in lingua italiana (composizione tessuto, controindicazioni). L'operazione non è nuova alle cronache ed infatti proprio a novembre dello scorso anno furono sequestrate per analoghe violazioni 3.372 confezioni di dentifricio, detenute per la vendita da commercianti di Terni, Roma, Potenza, Pescara e Isernia. I prodotti confezionati sequestrati dai finanzieri verranno ora messi a disposizione della Regione e della Camera di Commercio che comminerà la sanzione ai titolari delle attività commerciali. Le sanzioni amministrative previste possono anche arrivare a 41mila euro. Sempre la Regione e la Camera di Commercio, decideranno sulla destinazione dei prodotti e sulla eventuale loro analisi di laboratorio per accertare la conformità a legge della qualità del dentifricio.
26/6/2008 ore 14:44
Torna su