20/11/2019 ore 17:57
Terni: scoperta casa di appuntamenti in città, denunciata una donna che faceva prostituire ragazze sudamericane, albanesi e rumene
Il viavai di clienti era diventato consistente. Impossibile per gli inquilini del palazzo non notarlo. Così qualcuno deve aver pensato di informare i carabinieri che ci hanno messo poco a scoprire che in quell’appartamento affittato da una giovane originaria dell’Ecuador, residente a Terni ed in regola con il permesso di soggiorno, c’erano numerose ragazze che si prostituivano. Tutto è successo in via Lucio Libertini, una traversa di via dell’Argine, in un appartamento di un palazzo di recente costruzione. L’ una donna nata in Ecuador 27 anni fa aveva preso in affitto da qualche tempo l’abitazione all’interno della quale ospitava delle giovani connazionali, ma anche ragazze albanesi e rumeni. I carabinieri hanno appurato che la donna tratteneva per se circa il 60% dell’importo che i clienti versavano per le prestazioni sessuali ottenute e che per agganciare i clienti stessi si serviva dei classici annunci fatti sui giornali. L’intervento dei carabinieri ha posto fine al meretricio. Per la 27enne sudamericana è scattata la denuncia per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.
14/6/2008 ore 5:11
Torna su