21/09/2019 ore 23:13
Narni: la quarantesima edizione della corsa all'anello è stata vinta dal terziere Mezule dopo gli "spareggi"
Mezule vince per il terzo anno consecutivo la corsa all’anello moderna. Un successo meritato, arrivato dopo la disputa degli spareggi che mai prima d’ora erano stati necessari per decretare il terziere vincitore. Ma la vittoria per i bianconeri mezulani non è solo la terza di una lunga striscia, in quanto essa rappresenta il successo del quarantennale e dunque c’era una voglia particolare, da parte di tutti i terzieri, di aggiudicarsi l’ambito palio. E’ stata una edizione appassionante, ricca di colpi di scena e di episodi che hanno tenuto con il fiato sospeso i circa cinquemila spettatori del “San Girolamo” la cui pazienza è stata messa a dura prova anche da Giove Pluvio che ha deciso di scaricare un bel po’ di pioggia su Narni, a metà gara e nella parte finale, quella degli spareggi. I pronostici vedevano favorito il terziere Fraporta ma, francamente, nell’arco di tutta la gara non si è mai avuta la sensazione che i rossoblu potessero aggiudicarsi a mani basse la vittoria dell’anello d’argento. Fraporta era partito bene nella prima tornata, facendo l’ein plein con Francesco Scattolini, poi però il terziere “Principe” si mangiava tutto nella seconda tornata quando il super favorito Luca Veneri (sfortunata la sua caduta) non andava oltre i 30 punti totali. Per effetto di una bizzarra serie di combinazioni (bandierine abbattute e anelli persi all’ultimo giro), si arrivava in fondo alla terza tornata con una situazione di perfetta parità: tutti e tre i terzieri chiudevano infatti a quota 180 e dunque, per la prima volta nella storia della corsa all’anello, si rendevano necessari gli spareggi. In campo Federico Minestrini (Mezule), Francesco Scattolini (Fraporta) e il veterano Gianni Vignoli (Santa Maria). Gli arancioviola sono subito usciti dalla gara che ha visto disputarsi il palio Mezule e Fraporta. In una tornata al cardiopalma il giovane Minestrini è stato bravo ad infilare due anelli e quindi a portare alla vittoria il proprio terziere. Alla fine le consuete scene di tripudio e la premiazione effettuata, sotto la pioggia, dalla presidente della Regione Maria Rita Lorenzetti e dal sindaco di Narni Stefano Bigaroni.
11/5/2008 ore 19:19
Torna su