22/01/2020 ore 20:53
Terni: la Provincia corre ai ripari con interventi di urgenza presso l'area interessata dall'allagamento verificatosi nei pressi della Cascata
Danni ingentissimi. E non poteva essere altrimenti. La rottura della condotta forzata, che martedì sera intorno alle 20, ha creato un vero e proprio allagamento nella zona di Collestatte Piano, a poca distanza dal belvedere inferiore della Cascata delle Marmore, verrà ricordata per un bel pezzo dagli abitanti del posto La condotta porta acqua – circa cento litri al secondo - agli impianti della Thyssen Krupp Acciai speciali Terni e non era mai accaduto prima d’ora che si rompesse in questo modo. La rottura ha causato gravi danni ad un ristorante della zona di Collestatte Piano ed ha provocato allagamenti in numerose abitazioni e garage, acqua e fango hanno scardinato la lunga scalinata di accesso di un bar e molte abitazioni sono state fatte evacuare per prudenza, mentre numerose automobili sono state trasportate per alcuni metri dall’acqua e sono rimaste danneggiate. Duro lavoro per i vigili del fuoco di Terni, che hanno lavorato fino alle 2 di notte con due squadre ed alcune idrovore. L’Assessore all’Ambiente, Protezione civile e Turismo, Fabio Paparelli, ha effettuato un sopralluogo alla Cascata delle Marmore per verificare i danni provocati dalla rottura della condotta e fare quindi il punto della situazione con i tecnici di Palazzo Bazzani per gli interventi operativi di maggiore urgenza. “La priorità – ha detto Paparelli - è quella di ripristinare le normali condizioni di agibilità nel più breve tempo possibile, con un calendario d’interventi che tenga conto delle esigenze dei residenti della zona, delle attività legate alla Cascata e dell’approssimarsi del week-end che, come al solito, comporterà un flusso considerevole di turisti e che per questo necessita di interventi rapidi per risolvere almeno i problemi più urgenti. L’Amministrazione - ha sottolineato poi l’Assessore - ha messo in atto con tempestività tutti gli strumenti necessari per affrontare l’emergenza nel contesto delle proprie competenze e delle relative responsabilità”.
(Nelle due foto si possono vedere alcuni dei danni prodotti dalla rottura della condotta forzata ed un momento dell'intervento dei vigili del fuoco nel pieno della emergenza)
27/3/2008 ore 4:34
Torna su