08/08/2020 ore 02:13
La Corte dei Conti indaga sui casi dei medici che percepivano compensi su pazienti deceduti, molti i casi a Terni e Narni
E’ stata avviata dalla Procura presso la Corte dei Conti di Perugia, l’attività istruttoria sui casi che hanno interessato la Azienda Sanitaria Locale di Terni relativamente ai compensi percepiti da parte dei medici di base per l’assistenza sanitaria nei confronti di assistiti in realtà deceduti. Le indagini, scaturite su iniziativa della Guardia di Finanza di Terni e dirette dalla Dr.ssa Frajoli – vice Procuratore aggiunto presso la Corte dei Conti di Perugia – hanno portato ad accertare un danno erariale di circa 80 mila euro. Il servizio si inquadra in una iniziativa più ampia posta in essere dalla Guardia di Finanza su tutto il territorio nazionale. Sono state esaminate le situazioni degli assistiti dalle ASL e poi, anche con la collaborazione della stessa ASL di Terni, sono state controllate nel dettaglio e valutate alcune di queste. Particolarmente impegnativa e certosina l’attività della Guardia di Finanza di Terni che ha acquisito i certificati di morte di oltre 450 persone accertando che per taluni pazienti risultati deceduti, i medici di base continuavano a percepire i compensi relativi alla loro assistenza. Da segnalare che oltre agli 80 mila euro segnalati per il danno dalla Guardia di Finanza, la ASL, aveva già avviato l’azione di recupero su altri casi di indebita percezione da parte dei medici di base. In totale sono 89 i medici di base che usufruivano dei rimborsi pur risultando già deceduti i pazienti. Accertati comunque 99 casi a Narni, 97 a Terni, 37 a Giove, fino a 1 caso persino a Ficulle. Spetta ora al magistrato Dr.ssa Frajoli, che ha costantemente seguito le indagini, valutare l’esito degli accertamenti anche ai fini della individuazione dei soggetti a cui addebitare il danno erariale. Da segnalare la costante collaborazione fornita dalla ASL ai finanzieri. L’indagine segnala comunque la necessità di affinare le norme che regolano la materia e gli strumenti di controllo.
26/3/2008 ore 4:35
Torna su