12/11/2019 ore 18:57
La Regione dell'Umbria stipula una convenzione con l'Anci, i Comuni potranno accedere a tutte le raccolte documentali
Il Consiglio regionale dell'Umbria metterà le proprie raccolte documentali e informative a disposizione dell'Anci Umbria (Associazione nazionale dei Comuni) e quindi di tutte le Amministrazioni e i consiglieri comunali. É quanto previsto dalla convenzione firmata nei giorni scorsi a Palazzo Cesaroni dai presidenti del Consiglio regionale e dell'Anci. L'accordo prevede la definizione di un rapporto convenzionale per l'utilizzo dei servizi di documentazione del Consiglio regionale, che fornirà uno strumento informativo periodico, a cura del Servizio comunicazione e documentazione, che consiste nell'invio quindicinale per via telematica di una selezione degli atti in discussione al Consiglio, corredati di indicazioni di natura bibliografìco – documentaria, utili per l'approfondimento degli argomenti, nonché di una selezione ragionata di altra documentazione sulle materie di competenza dei Comuni. All'Anci spetterà di effettuare il monitoraggio e la valutazione di efficacia del servizio e di trasmetterne annualmente i risultati al Servizio Comunicazione del Consiglio regionale. Durante l'incontro di questa mattina, a cui hanno partecipato anche i presidenti dei Consigli comunali di Perugia, Spoleto e San Gemini, è stata sottolineata l'importanza della collaborazione tra istituzioni, che porta ad una significativa attuazione del dettato costituzionale mettendo a disposizione della collettività regionale un ricco patrimonio documentale e consentendo un risparmio di risorse, una ottimizzazione e una condivisione di prodotti e strutture anche tecnologicamente avanzate. Un sistema, è stato detto, che restituisce centralità e autonomia alle assemblee comunali e simboleggia il superamento della frammentazione territoriale che per troppo tempo ha ostacolato il consolidamento dell'identità regionale.
25/2/2008 ore 13:54
Torna su