30/05/2020 ore 17:01
Terni: inaugurata l'ala storica della residenza sanitaria assistenziale per anziani "Le Grazie", la struttura potrà ospitare ora 73 degenti
Si è svolta nei giorni scorsi, alla presenza delle massime autorità regionali e cittadine, la cerimonia di inaugurazione dell'ala storica della Rsa, residenza sanitaria assistenziale per anziani "Le Grazie", in viale Trento a Terni, recentemente ristrutturata dall'Azienda sanitaria locale numero 4. Dopo il taglio del nastro e la visita guidata si è tenuta una breve manifestazione con il saluto delle autorità cittadine e regionali presso la sala dell'antico refettorio. Presenti, tra gli altri, l'assessore regionale alla sanità Maurizio Rosi, il sindaco di Terni Paolo Raffaelli, i direttori generali dell'Asl 4 e dell'Azienda ospedaliera "Santa Maria" di Terni Imolo Fiaschini e Gianni Giovannini, il direttore sanitario dell’Asl 4 Luciano Lorenzoni e il direttore amministrativo, sempre dell’Azienda Sanitaria Locale di Terni, Roberto Filistauri. Con questa nuova struttura, la Rsa avrà a disposizione ulteriori 19 posti letto per complessivi 73 posti letto e due nuovi laboratori dedicati alla trattamento non farmacologico dei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer. Si potranno così assistere meglio gli utenti in dimissione protetta che giungono alla Rsa dall’Azienda ospedaliera “Santa Maria” di Terni e dai presidi ospedalieri del territorio provinciale di Narni, Amelia e Orvieto gestiti dall’Asl. “E’ un giorno importante per la città di Terni - ha dichiarato il direttore generale dell’Asl 4 di Terni dr. Imolo Fiaschini - perché si restituisce alla città, attraverso una grande operazione di recupero effettuata dall’Azienda Sanitaria Locale, un luogo dal grande valore storico, visto che la posa della prima pietra, a cura della famiglia Manassei, avvenne nel 1472. Si tratta di edifici pregevoli del 1500 in cui ha trovato sede un ospedale in età napoleonica e, successivamente, durante la Seconda Guerra Mondiale. Ci sono poi la chiesa di “Santa Maria delle Grazie” e la fonte sorgiva cui venivano attribuite proprietà benefiche”. Chiaramente non vanno sottovalutati gli aspetti sanitari e assistenziali dell’operazione di recupero effettuata dall’Asl 4 provinciale visto che, con la ristrutturazione dell’ala storica, si potenzia ulteriormente un servizio dedicato alle persone anziane. Ciò non è secondario in una provincia dove il tasso medio di invecchiamento della popolazione risulta essere tra i più alti in Italia. Basti pensare che nel 2007 la Rsa, in dimissione protetta, ha assistito ben 330 persone mentre il centro diurno accoglie, quotidianamente, 25 utenti affetti da Alzheimer grave. Altri 20 pazienti affetti da Alzhheimer lieve vengono infine trattati dai tre laboratori presenti nella residenza sanitaria assistenziale (due sono stati recentemente realizzati nell’ala ristrutturata). “L’obiettivo - hanno dichiarato il direttore generale dell’Asl 4 provinciale dr. Imolo Fiaschini e il responsabile dell’Unità operativa Assistenza Geriatrica Residenziale dell’Asl 4 di Terni dr. Alessandro Chiaranti - è quello di migliorare la qualità della vita delle persone anziane assistite nella Rsa offrendo non soltanto un luogo adeguato da un punto di vista sanitario ma un ambiente piacevole e confortevole”. In prossimità dell’ala ristrutturata sono infine in fase di completamento, sempre a cura dell’Asl 4 di Terni, i lavori di realizzazione dell’hospice che potrà ospitare 12 pazienti oncologici in fase terminale che verranno assistiti da un’équipe specialistica formata anche da psicologi. La consegna dei lavori è prevista per il mese di marzo.

26/1/2008 ore 15:14
Torna su