24/02/2020 ore 04:19
Terni: Paolo Raffaelli tra passato e futuro: "la nostra è una città in crescita e in espansione grazie alle politiche comunali per lo sviluppo"
Raffaelli fa il bilancio di un anno di attività della sua Giunta. Il sindaco di Terni ha tirato le somme dei risultati raggiunti nel 2007 e parla degli obiettivi futuri che intende raggiungere da qui alla fine del suo mandato. “Si dice sempre che l’anno appena trascorso è stato un anno di svolta - ha detto Raffaelli -, ma veramente negli ultimi decenni pochi lo sono stati come questo. Da un lato per l’enorme mole di fatti nuovi, qualitativi e quantitativi, nelle dinamiche cittadine e territoriali e, dall’altro, perché si è ormai in dirittura d’arrivo rispetto ad un ciclo amministrativo che ha rivoltato la città come un guanto e che ne ha definito il modello di sviluppo nel terzo millennio in termini estremamente forti. E’ vero che il 2007 si è chiuso con due episodi pesantemente sfavorevoli connessi al pezzo più importante del sistema industriale cittadino - e mi riferisco alla decisione di Bruxelles ed alla tragedia di Torino - ma è altrettanto vero che l’anno è stato caratterizzato nel suo complesso, anche su questo versante, da punti di svolta determinanti: il programma di investimenti di ThyssenKrupp a Terni ha ormai varcato la soglia dei 500 milioni di Euro, confermati anche dopo questi fatti negativi. Lo sviluppo infrastrutturale del territorio è sotto gli occhi di tutti: basti pensare ai monumentali cantieri della Terni-Rieti, della E45 e della Marattana. Analogo discorso vale anche per gli interventi del centro urbano, segnatamente quello di Corso del Popolo. Con il completamento dell’iter del Piano Regolatore Generale, la città si dota della nuova Costituzione materiale che sarà anche il riferimento obbligato per le dinamiche urbane nei prossimi decenni e dentro questo quadro ci sono interventi di grande momento come il completamento del complesso che si chiamava “il Tulipano” e che si chiamerà “le Terrazze”, o come quello ambiziosissimo di Villa Palma, le cui attività nel campo della ricerca non possono che essere pensate interconnesse con quelle del Centro per le cellule staminali dell’ex Milizia, con la nuova sede di Medicina e Chirurgia a Colle Obito e con il nuovo Polo tecnologico di Pentima. Questa città in espansione e in crescita è fotografata anche dalle dinamiche demografiche: Terni è tornata a sfiorare la soglia dei 111.000 abitanti, cioè ai livelli del 1981, di oltre 25 anni fa, ai livelli di popolazione di prima della grande crisi siderurgica. Dal 2000, quando si toccò la soglia minima dei 104.000 abitanti, la popolazione ternana cresce al ritmo di circa 1.000 residenti l’anno ed è un dato che per una città che sempre più si colloca come “città cerniera” tra l’Umbria e Roma non può che essere considerato di grandissimo significato.”

4/1/2008 ore 5:11
Torna su