15/11/2019 ore 08:01
Terni: l'emittente Tele Galileo vince il primo premio della nona edizione del concorso "Comunicare in Umbria"
Con il filmato “Il lavoro per vivere, non per morire” realizzato da Alberto Tomassi, l’emittente ternana Tele Galileo ha vinto il primo premio della nona edizione del concorso “Comunicare in Umbria”. La sezione del concorso, promosso dal Corecom (comitato regionale per le comunicazioni), con il patrocinio dei ministeri dell’Ambiente e della Comunicazione, dell’Ordine dei giornalisti dell’Umbria e della Federazione nazionale della stampa, era quella riservata alle emittenti dell’Umbria. “Sono onorato di ricevere questo importante riconoscimento, che premia il lavoro di un’emittente storica della città di Terni” - ha dichiarato Alberto Tomassi. “L’auspicio - ha proseguito - è che questo filmato possa rappresentare un piccolo contributo per non far calare il silenzio intorno al dramma delle morti bianche e per sollecitare tutte le componenti, politiche, istituzionali, sociali, imprenditoriali, ad un impegno comune e proficuo per spezzare questa lunga e dolorosa catena di lutti e disperazione. Un abbraccio particolare a Daniela Eramo e alla sua famiglia. Non ci sono parole per descrivere il suo coraggio e la sua forza d’animo”. Nel filmato di Tele Galileo “Il lavoro per vivere, non per morire” si pone in primo piano il dramma delle morti bianche, un tema di estrema attualità in Italia e in Umbria. Si muore di lavoro nei cantieri edili, nelle piccole e grandi aziende, si muore nell’agricoltura, nel settore dei trasporti, in quello metalmeccanico e chimico. Rabbia, sconforto, senso di impotenza di fronte alla catena inarrestabile di lutti e dolore, appelli all’impegno collettivo attraversano il mondo del lavoro e la regione intera. Il dramma degli incidenti mortali sul lavoro è anche il dolore profondo dei familiari delle vittime, delle vedove, degli orfani. Il filmato realizzato da Alberto Tomassi propone la testimonianza struggente di Daniela Eramo, moglie del ferroviere Franco Mariani, vittima di un incidente mortale alla stazione di Terni durante le operazioni di manovra di un treno merci. La testimonianza di chi non cancellerà mai il dolore profondo di vedere il proprio marito uscire di casa per recarsi al lavoro e non tornare più.
5/12/2007 ore 19:40
Torna su