29/01/2020 ore 03:52
Amelia: nuova stazione di rilevamento Gps, dalla Regione un contributo importante per la sua realizzazione
Anche l'Umbria si apre al progresso telematico. Viene dunque potenziata la rete regionale delle stazioni permanenti “Gps/Gnss”, la metodologia satellitare per il posizionamento di oggetti ed eventi sul territorio costituita dal “Gps” (Global positioning system) integrato da altri sistemi satellitari, quali il già operante sistema russo “Glonass” e il sistema europeo “Galileo”. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore al Sistema informativo territoriale Lamberto Bottini, ha approvato lo schema di convenzione per l’installazione di due nuove stazioni, a Gubbio e ad Amelia, in modo da assicurare “una copertura omogenea e distribuita al fine di migliorare la qualità del servizio all’utenza”. La rete regionale è stata realizzata da Regione Umbria e Università di Perugia – Dipartimento di Ingegneria civile e ambientale della Facoltà di Ingegneria nell’ambito dell’”Accordo di programma quadro in materia di e-government e società dell’informazione”. Ora sarà integrata dalle due stazioni, per le quali hanno già dato il loro consenso i Comuni di Gubbio e Amelia. La convenzione che verrà ora firmata con le due amministrazioni comunali si pone l’obiettivo di favorire, attraverso azioni concordate, “l’incremento delle conoscenze riguardanti il territorio umbro e, attraverso il potenziamento della rete regionale di stazioni permanenti ‘Gps/Gnss’, l’attivazione di efficienti servizi on-line al cittadino e alle imprese, sulla gestione catastale, edilizia e dei trasporti che costituiscono un indispensabile supporto a ogni tipo di progettazione riferita al territorio”. L’integrazione della rete “Gps/Gnss” si prefigge inoltre l’obiettivo di “garantire anche alle rilevazioni in campagna, in aggiornamento cartografico o di posizionamento di eventi o manufatti, la necessaria precisione e coerenza con la esistente cartografia regionale e/o catastale”.
30/11/2007 ore 11:31
Torna su