11/08/2020 ore 02:58
Terni: venerdi 19 ottobre presso la chiesa di San Giovannino veglia di preghiera per il popolo birmano
Ottobre è il mese che la Chiesa dedica alla missione universale, per riflettere ed operare affinchè la solidarietà e l´accoglienza amplino sempre più i loro confini. In Diocesi momento centrale dell´ottobre missionario sarà la veglia diocesana di preghiera: "Tutte le chiese per tutto il mondo" e di solidarietà con il popolo birmano, che si terrà venerdì 19 ottobre alle 21 nella chiesa di S.Giovannino a Terni. Una preghiera per i popoli del mondo, per la pace, per condividere la ricchezza della fede, delle culture, dei valori, andando oltre le frontiere per essere Chiese aperte a tutta l´umanità. La luce simbolo delle sette chiese sorelle accompagnerà la veglia, che avrà un momento introduttivo di riflessione in piazza della Repubblica, davanti all´immagine della Madonna del Popolo, per proseguire poi processionalmente aux flambeaux verso la chiesa di S.Giovannino, dove sarà proclamata la parola di Dio e proposte le testimonianze di alcuni missionari e laici di ritorno dall´Africa e dall´Asia.
Domenica 21 ottobre sarà invece celebrata in tutte le chiese la 81^ Giornata missionaria mondiale, che come ricorda il Papa nel suo messaggio "è un invito alle Chiese locali di ogni continente ad una condivisa consapevolezza circa l´urgente necessità di rilanciare l´azione missionaria di fronte alle molteplici e gravi sfide del nostro tempo". Un invito a lavorare sempre più in comunione per rendere ogni singola Chiesa più accogliente, pronta a donare dalla propria povertà: solo così il dono della fede potrà raggiungere ogni uomo e ogni donna sulla terra. Essere missionario è l´impegno di ogni cristiano, testimone della fede e evangelizzatore del mondo, a cominciare dal proprio ambito di vita, dal proprio quartiere, parrocchia e città. La presenza di tante persone di diversa cultura e tradizione che popolano le strade del mondo, chiede ad ognuno d´interrogarsi coraggiosamente, per scoprire la modalità concreta della sua testimonianza, per accogliere la specifica vocazione, per far sì che anche la chiesa locale possa essere segno di speranza attraverso l´esperienza viva di ciascuno.


17/10/2007 ore 12:54
Torna su