27/01/2020 ore 09:50
Viabilità: in arrivo gli autovelox su molte strade provinciali del ternano, gli introiti delle multe verranno destinati al miglioramento delle strade
La Provincia di Terni installerà autovelox fissi sulle strade di propria competenza, adeguatamente evidenziati con segnaletica luminosa e utilizzati a scopo preventivo e di sicurezza e non vessatorio nei confronti degli automobilisti. Lo ha reso noto l’Assessore provinciale alla Polizia Locale, Gianni Pelini, nel corso della discussione in Consiglio di un ordine del giorno proposto da Alfredo Santi (Udc) ed approvato all’unanimità dall’Assemblea di Palazzo Bazzani. Nell’odg, tenendo conto del decreto prefettizio del maggio scorso nel quale si afferma che ciascuna amministrazione pubblica può installare autovelox solo sulle strade di propria competenza, si chiede alla Provincia di sistemare apposita segnaletica luminosa per evidenziare la presenza delle macchinette sulle sue vie di comunicazione. “Il decreto del Prefetto – ha detto Pelini –, preventivamente discusso dalle istituzioni locali e dagli organi di polizia, è stato pienamente condiviso dalla Provincia di Terni e rimette ordine alla materia attraverso azioni riguardanti le proprie competenze sia sulla viabilità che sulla polizia locale, senza delegare le attività di controllo e prevenzione sulle strade provinciali ed ex Anas”. Pelini ha annunciato che saranno istallati autovelox solo nei tratti di strada dove negli ultimi anni si sono registrati frequenti e gravi incidenti. “Gli autovelox – ha poi aggiunto – saranno preavvisati con adeguati segnali luminosi finalizzati alla prevenzione piuttosto che alla repressione senza così dare la sensazione di voler solo ‘fare ‘cassa’. Tutti gli introiti delle multe saranno destinati al miglioramento della segnaletica, dei manti stradali e dei dispositivi di sicurezza laterali. In collaborazione con le scuole si organizzeranno inoltre corsi di educazione stradale, tenendo conto che tutte le operazioni verranno messe in atto senza oneri gravanti sul bilancio, poiché saranno attivati appositi bandi di gara destinati a ditte e società specializzate nel settore”. Le attività di controllo e apposizione della segnaletica nei centri urbani, delimitati secondo le normative vigenti, restano a carico dei Sindaci, così come prevede il Codice della Strada, “tenendo conto – ha precisato Pelini – anche degli indirizzi contenuti nell’ordinanza prefettizia”. Sulle strade statali e sulle grandi arterie come E 45 e Rato le maggiori competenze restano in capo alla polizia stradale e ai carabinieri. “Se si terrà fede agli impegni assunti con il Prefetto – ha concluso l’Assessore – si rimetterà finalmente ordine a tutte le attività di controllo con risultati sicuramente soddisfacenti per gli automobilisti i quali chiedono anche minori vessazioni e, nel contempo, maggiore sicurezza lungo le strade”. Nel dibattito consiliare sono intervenuti, oltre a Santi, proponente dell’ordine del giorno, i seguenti Consiglieri: Gabriella Caronna (Capogruppo FI), che ha rimarcato la numerosità degli autovelox lungo le strade e la pericolosità degli stessi per chi guida di notte a causa dei flash dei dispositivi fotografici, Roberto Forbicioni (Capogruppo Gruppo Misto–SD), che ha proposto un fondo speciale per la sicurezza stradale, Roberto Montagnoli (Capogruppo DS), che ha auspicato una nuova cultura della legalità e della sicurezza, Mario Montegiove (Capogruppo AN), il quale ha messo in guardia sul rischio di speculazioni, Leo Venturi (Gruppo Misto-SD) che ha chiesto un impegno anche nelle scuole per sensibilizzare le giovani generazioni, Marsilio Marinelli (Capogruppo SDI) che ha giudicato positivamente la presenza degli autovelox anche per contrastare il fenomeno dei pirati della strada, e Paolo Maggiolini (Capogruppo UDC) che ha rimarcato l’importanza di adeguare strade e infrastrutture in funzione della sicurezza di chi viaggia.
5/9/2007 ore 4:24
Torna su