14/11/2019 ore 20:32
Terni: sulla morte dell'operaio all'Ast, schiacciato da una lamiera d'acciaio, il cordoglio del sindaco Raffaelli e del vescovo Paglia
Questa mattina alle ore 11.50, all’interno di un capannone dello stabilimento Ast-Thyssen Krupp in comodato d'uso ad una ditta di fucinati di Terni, un operaio di 51 anni di Stroncone, durante i lavori di assemblaggio di un carrello movimentatore per la pressa dei fucinati, rimaneva schiacciato da una lamiera d’acciaio del peso di 5 quintali. L’uomo è morto poco dopo il trasportato in ospedale. L’area è stata posta sotto sequestro dal Servizio di Prevenzione e Ispezione sui luoghi di lavoro della Asl 4 di Terni. Il Sindaco di Terni Paolo Raffaelli è stato informato del tragico incidente dal Prefetto dottor Sabatino Marchione. Il primo cittadino si è immediatamente messo in comunicazione con le organizzazioni sindacali di categoria di Fim-Fiom-Uilm, con i vertici aziendali di viale Brin e con il Sindaco di Stroncone Eulero Liurni, cui ha trasmesso il cordoglio della comunità ternana. "Le parole - ha detto Raffaelli - non servono, se non per esprimere il cordoglio profondo alla famiglia, ai concittadini e ai colleghi di lavoro di Mauro Zannori, l'operaio 51enne di Stroncone caduto sul lavoro stamattina a Terni. Il tragico incidente di oggi in realtà è la conferma di un concetto più volte espresso in questi mesi e cioè che di lavoro non si muore soltanto nelle realtà di lavoro nero e di supersfruttamento ma che occorre tenere la guardia alta e la vigilanza attentissima anche nei punti alti,qualificati e protetti dello sviluppo industriale. L'incidente mortale di oggi è accaduto in un'azienda solida e strutturata del ternano come la IMB, impegnata a realizzare il nuovo investimento per il manipolatore del reparto fucinatura della ThyssenKrupp.Vale forse la pena di ripetere oggi quello che dicemmo dopo la morte di Franco Mariani alla stazione ferroviaria di Terni o dopo la devastante esplosione di Campello sul Clitunno, tre segmenti chiave dello sviluppo economico umbro come sistema nazionale: l'industria alimentare di eccellenza, il sistema internazionale di trasporto merci, i grandi investimenti in una delle maggiori multinazionali europee. Ciò vuol dire che tutti quanti, a cominciare dalla Istituzioni, abbiamo il dovere di un impegno e di uno sforzo ulteriore di vigilanza e di prevenzione anche dove lo sviluppo industriale si realizza nel quadro delle regole e in una fase espansiva. A nome dell'Amministrazione comunale voglio ribadire la vicinanza alla famiglia, ai colleghi di lavoro dell'operaio scomparso e a tutti i suoi cari."
Il Sindaco ha poi informato telefonicamente il Vescovo monsignor Vincenzo Paglia della tragedia sul lavoro di questa mattina. Il Vescovo si trova in missione a Mosca e ha espresso al Sindaco di Terni e al Sindaco di Stroncone la vicinanza e il cordoglio suo e della Diocesi per questo nuovo lutto sul lavoro.
7/8/2007 ore 18:27
Torna su