20/07/2019 ore 22:38
Due ladri a bordo di camion rubati incrociano i carabinieri che li inseguono, scappano ed abbandonano gli ingombranti mezzi
Li hanno incrociati nel cuore della notte, mentre lungo la provinciale che collega Giove ad Amelia procedevano uno dietro l’altro in direzione del capoluogo. La presenza di quei due grossi camion lungo la strada a quell’ora ha insospettito la pattuglia del Nucleo Operativo Radiomobile dei carabinieri di Amelia, che stava facendo il suo normale giro di perlustrazione, così i militari hanno deciso di fare una inversione e di seguire i camion; la manovra non è sfuggita ai conducenti dei due mezzi pesanti i quali hanno rapidamente accostato sulla destra e sono scesi precipitosamente dalla cabina, dandosi alla fuga verso la vicina boscaglia. I carabinieri hanno intuito che quella improvvisa fuga nascondesse qualcosa di illecito ed hanno provato ad inseguire i due “camionisti”, ma questi, approfittando delle tenebre, hanno fatto ben presto perdere le loro tracce. Da successivi controlli è risultato che i due autocarri (vuoti) erano stati rubati poco prima in un deposito di Bomarzo ed i ladri li stavano probabilmente portando in un luogo sicuro, quando, per loro sfortuna, sono stati intercettati dai carabinieri. I militari non escludono che i malviventi abbiano agito con la complicità di un terzo uomo che a bordo di una macchina li precedeva per verificare che la strada fosse “pulita”, e che probabilmente quest’ultimo non abbia visto la pattuglia, da qui l’imprevisto che ha permesso ai carabinieri di sventare uil furto e di riconsegnare i due camion al proprietario. Sempre la notte scorsa i carabinieri della stazione di Montecastrilli hanno rinvenuto in un’area di servizio poco lontana dal paese un camion abbandonato che era stato rubato nella notte tra sabatoe domenica nel piazzale di un magazzino di Castel del Piano (Pg). I militari ritengono che i ladri potrebbero aver deciso di abbandonare il grosso mezzo poiché nelle notti del fine settimana sono state effettuate dei controlli massicci lungo le strade dei comprensori amerino e narnese e quindi i malviventi potrebbero essere stati “disturbati” mentre cercavano di squagliarsela con l’ingombrante veicolo.
24/7/2007 ore 5:28
Torna su