14/08/2020 ore 01:39
Terni: il vescovo Paglia alla giornata degli anziani: "la società deve starvi vicino, voi rappresentate il cuore della Chiesa!"
Trecento anziani, ospiti delle varie strutture residenziali ed i ricovero della provincia, i loro accompagnatori e oltre cento volontari hanno partecipato alla giornata degli anziani delle case di riposo, che si è tenuta domenica 10 giugno nella Cattedrale di Terni, iniziata con la celebrazione presieduta dal vescovo di Terni Narni Amelia mons. Vincenzo Paglia e proseguita con il pranzo all’aperto nel viale dei Giardini Pubblici “La Passeggiata” e spettacoli di arte varia. La giornata, promossa dall’ufficio per la pastorale degli anziani della diocesi di Terni Narni Amelia, in collaborazione con la Caritas diocesana, la san Vincenzo de’ Paoli e l’Istituto professionale per i servizi “Casagrande” che ha fornito il pranzo e il servizio ai tavoli, ha rappresentato una bella occasione di incontro e familiarità per tanti anziani che hanno trascorso una giornata diversa come in una grande famiglia, accompagnati da numerosi volontari, che hanno animato la giornata insieme al gruppo di poeti “Allegri Ternani” e dell’”Ente Cantamaggio” e al gruppo di etnia indiana che ha proposto danze tipiche del proprio paese. E’ stato un abbraccio corale tra il vescovo, che si è intrattenuto con tutti gli ospiti anziani giovani e immigrati per condividere un bel momento di socializzazione e di comunione, particolarmente significativo soprattutto per le tante persone che spesso vivono in solitudine in strutture di ricovero e lontano dai familiari. “Ci sono 23 case di riposo nel nostro territorio – ha ricordato il vescovo mons. Paglia -, dove vivono oltre 500 anziani che spesso non hanno nemmeno un prete che celebra la messa. Gli anziani non devono essere mai abbandonati. Questa giornata che dedichiamo tutti insieme a loro è per dire quanto gli anziani siano importanti per la società e per chiesa. Oggi voi in questa Cattedrale rappresentate il cuore della chiesa, una chiesa che fa festa per avervi tutti riuniti insieme, una chiesa che vi affida anche un importante compito quello di pregare per tutti, per la pace nel mondo, perchè regni l’amore tra tutti, perché i giovani crescano bene”. “Da parte nostra – ha proseguito il vescovo – ci impegniamo a moltiplicare l’amore, l’amicizia che ci unisce gli uni agli altri e a voi in modo particolare. Vi dimostreremo sempre di più il nostro affetto, che cercheremo di non fare appassire mai, standovi vicino, portandovi conforto ed anche allientando con la fede le vostre giornate”. Ad ogni struttura residenziale per anziani la diocesi donerà un piccolo altare mobile, un calice ed una patena per la celebrazione della messa, mentre ad ogni anziano, al termine della giornata, è stato donato un fiore e un ricordo di papa Giovanni Paolo II.



11/6/2007 ore 0:11
Torna su