26/09/2020 ore 20:07
Terni: la polizia arresta un giovane tunisino che aveva ceduto dosi di sostanze stupefacenti "pericolose" a numerosi tossicodipendenti
La Squadra Mobile della Questura di Terni nel primo pomeriggio di ieri ha tratto in arresto il cittadino tunisino (L.A. di 33 anni), senza permesso di soggiorno e da qualche tempo dimorante a Terni. L’uomo, indagato per i reati concernenti lo spaccio e la detenzione di sostanze stupefacenti, è stato anche ritenuto responsabile del reato di “morte o lesione come conseguenza di altro delitto” ed arrestato in esecuzione di una Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Terni Augusto Formanci. Le indagini della sezione narcotici avevano avuto origine a gennaio ed avevano preso spunto dal malore occorso ad una ragazza avvenuto presso il parcheggio di via del Raggio Vecchio. La donna venne soccorsa e trasportata all’ospedale dove i medici la trovarono in stato di overdose da oppiacei e venne salvata in extremis. La successiva attività investigativa permetteva alla polizia di acquisire inequivocabili fonti di prova nei confronti dell’extracomunitario ritenuto essere il materiale spacciatore dell’eroina che aveva causato il malore alla donna. E’ stato inoltre accertato che l’uomo si era reso responsabile di ulteriori cessioni di stupefacente che avevano provocato nei mesi di novembre e dicembre 2006 overdosi a giovani tossicodipendenti locali che erano dovuti ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso. Il Sostituto Procuratore della Repubblica Raffaella Gammarota, titolare dell’indagine, sposando pienamente la tesi investigativa, ha chiesto ed ottenuto dal G.I.P. presso il Tribunale di Terni la ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del cittadino tunisino, ravvisando gravi esigenze cautelari relative alle diverse cessioni di droga, all’irregolarità dello stesso nel territorio dello stato ed alla sua particolare propensione a sottrarsi alla indagini e a rifugiarsi nel suo paese di origine. Il nordafricano è stato rintracciato ed arrestato nel primo pomeriggio di ieri nei pressi del bar di piazza Briccialdi, luogo di abituale ritrovo di cittadini extracomunitari dediti allo spaccio di stupefacenti, ed associato alla locale Casa Circondariale a disposizione delle Autorità Giudiziarie competenti.
9/5/2007 ore 19:30
Torna su