19/11/2019 ore 15:48
Terni: il Comune investirà più di 450.000 euro per installare i primi impianti di videosorveglianza in città
Quasi un miliardo di vecchie lire per allestire una rete di videosorveglianza in alcuni luoghi sensibili della città. Questo il progetto del comune di Terni per far fronte alla emergenza criminalità che negli ultimi tempi si è manifestata in modo allarmante. “Riguardo al tema microcriminalità e videosorveglianza, come strumento atto a prevenirla, - ha detto Raffaelli - siamo già un pezzo avanti. Abbiamo reperito risorse ingenti e con l’Assessore Salvati abbiamo affrontato la questione insieme al Prefetto ed al Questore, che voglio ringraziare in modo particolarissimo per il loro apporto. Per la vidosorveglianza abbiamo stanziato 450.000 euro attraverso un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti, somma che è integrata da altri 500.000 euro provenienti da un finanziamento regionale dedicato. Abbiamo deciso in queste settimane, d’intesa con il Questore Gianfranco Urti, di riorientare il progetto di videosorveglianza, inizialmente destinato principalmente al centro cittadino, per articolarlo su tre moduli che permettano di monitorare le aree sensibili del centro della città, alcuni quartieri urbani in accordo con le Circoscrizioni e le aree industriali di Maratta e Sabbioni. Le scelte verranno compiute provvedendo anche al coinvolgimento delle Associazioni imprenditoriali e di categoria che sono già al corrente del progetto. Nelle prossime settimane l’Assessore Salvati ed i tecnici comunali e della Questura visioneranno esperienze già attive, soprattutto in alcune medie realtà del centro-nord, con una particolare attenzione alla gestione del servizio. Non appena il quadro progettuale e gestionale sarà definito, andremo al confronto in Consiglio comunale dove tutti potranno dare il senso della loro disponibilità alla riuscita dell’iniziativa".
12/4/2007 ore 5:31
Torna su