19/07/2019 ore 02:33
Terni: un arresto e una denuncia per droga, la polizia ha bloccato un marocchino che aveva con se 41 dosi di cocaina
Ancora un nordafricano arrestato per questioni legate ai traffici di droga. Personale della sezione narcotici della Squadra Mobile della Questura di Terni ha tratto in arresto, per violazione dell’articolo 73 dpr 309/90, il ventisettenne marocchino H.H.il quale è stato trovato in possesso di numerose dosi di cocaina pronta per essere spacciata. I poliziotti hanno seguito l’uomo, che era in compagnia di un suo connazionale, presso i giardini che si trovano in prossimità di alcuni palazzi di via Mola di Bernardo. Il marocchino era solito frequentareb la zona dove aveva messo su la sua base per lo spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo era già conosciuto in Questura poiché era già stato tratto in arresto il 21 novembre dello scorso anno, sotto altre generalità e sempre per la stessa violazione. L’uomo era stato scarcerato il 15 dicembre successivo e il Gip di Terni gli aveva imposto il divieto di dimora nelle province di Terni e di Perugia, un obbligo che però lo straniero ha disatteso tanto che lo scorso 21 febbraio è stato nuovamente individuato dagli agenti nei pressi della Basilica di San Valentino ma, alla vista dei poliziotti si era dato subito alla fuga prendendo a correre in direzione di via Turati. Le indagini della Questura permisero di scoprire che il marocchino con uno pseudonimo, spacciava le sostanze stupefacenti nei pressi di via Mola di Bernardo facendosi contattare dai vari acquirenti su due diverse utenze telefoniche. Da qui il pedinamento che ha permesso agli uomini della Volante di rintracciare in quella via l’uomo, in compagnia di un suo connazionale. All’atto dell’intervento della polizia entrambi gli africani tentavano di darsi alla fuga, ma uno dei due (S.M. di 23 anni) veniva subito bloccato, mentre l’altro riusciva anche stavolta ad allontanarsi nei campi circostanti. Durante la corsa l’uomo guadava un piccolo ruscello, bagnandosi completamente le scarpe e la parte bassa dei pantaloni, disfacendosi del giaccone che indossava nonché di un incarto in cellophane che una volta recuperato e sequestrato risultava contenerne altri 41 più piccoli, dentro ai quali c’era della cocaina. Il 27enne faceva perdere le proprie tracce ma la sua fuga durava poco tempo e infatti poco più tardi il nordafricano veniva rintracciato, in una via centrale, a bordo di un ciclomotore condotto da un soggetto noto ai poliziotti. Alla vista degli agenti l’uomo tentava una nuova fuga buttandosi dal motorino in corsa ma stavolta gli andava male e veniva bloccato. Al termine della perquisizione personale il 27enne marocchino veniva trovato in possesso di un telefono cellulare con all’interno una del due Sim Card utilizzate per l’attività di spaccio nonché di denaro contante, mentre il suo compagno (S. M.) aveva con se un telefono cellulare e l’altra Sim Card utilizzata per spacciare. Al termine degli atti di rito S. M., incensurato, veniva indagato in stato di libertà ed espulso dallo Stato mentre l’H. H. veniva tratto in arresto per la violazione dell’articolo 73 dpr 309/90 ed associato al locale carcere a disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Terni Barbara Mazzullo.
3/4/2007 ore 5:35
Torna su