18/11/2019 ore 08:10
Presentato in Provincia il progetto sul risparmio energetico che coinvolge le direzioni didattiche e gli studenti delle varie scuole
E’ stato presentato il progetto sul risparmio energetico promosso dall’Assessorato provinciale all’Ambiente e da Federconsumatori con il sostegno dell’Asm, dell’Acea, della IV° e V° Circoscrizione e della Filcem-Cgil ed il coinvolgimento delle scuole. Erano presenti l’Assessore provinciale all’Ambiente, Fabio Paparelli, il Presidente di Federconsumatori, Umberto Ricci, il Presidente dell’Asm, Giacomo Porrazzini, il responsabile dell’Arpa di Terni, Adriano Rossi, i rappresentanti della società Acea, della Filcem-Cgil e degli istituti scolastici coinvolti. Il progetto, il cui primo step iniziato il 26 marzo si concluderà il 10 maggio, si sviluppa in tre anni e coinvolge gli studenti e gli insegnanti delle scuole elementari e medie della provincia di Terni con l’obiettivo di sensibilizzare ed educare le giovani generazioni ad un uso più razionale delle risorse energetiche. In collaborazione con le direzioni didattiche, docenti selezionati dal Laboratorio Territoriale di Educazione Ambientale della Provincia svolgeranno lezioni per gli studenti sull’utilizzo delle più comuni apparecchiature esistenti nelle abitazioni, mentre nelle aule saranno istallati contatori di corrente per dimostrare concretamente ai ragazzi gli effettivi risparmi derivanti da un corretto uso dell’energia e fornite lampade a basso consumo con il corredo di depliant e brochure esplicative dell’iniziativa in corso. “Educare le giovani generazioni ad un uso razionale delle risorse energetiche – ha affermato l’Assessore Paparelli – significa porre le basi per un futuro improntato al risparmio e al riutilizzo delle fonti, tema sul quale l’Amministrazione provinciale sta già investendo da tempo spingendo verso il ricorso a fonti energetiche alternative e rinnovabili. Abbassare i consumi – prosegue Paparelli – significa anche agevolare le famiglie determinando risparmi sotto il profilo economico utili sia ai cittadini che al sistema complessivo che caratterizza le nostre comunità”. Illustrando l’iniziativa il Presidente di Federconsumatori, Ricci, ha annunciato anche il prossimo avvio di un’indagine cittadina sui consumi energetici delle famiglie. “Servirà – ha spiegato Ricci – sia per avere un quadro generale sul livello dei consumi e sulle consapevolezze dei cittadini, sia per infondere in essi la cultura del risparmio e della razionalizzazione delle risorse”. “L’importanza di veicolare una cultura del risparmio energetico tra i giovani – ha invece osservato il Presidente dell’ASM, Porrazzini – è finalizzata a consentire ad essi di proiettare queste informazioni all’interno delle famiglie accrescendo le sensibilità e le consapevolezze sull’uso razionale delle energie”. L’importanza del risparmio energetico è supportata dai dati forniti da Federconsumatori secondo la quale dal 1995 al 2005 il costo delle bollette per gli italiani è cresciuto del 17% a fronte di un consumo di 2.700 Kwh, mentre la spesa annua per famiglia relativa al gas-metano è cresciuta dal 2004 al 2005 del 3,4%, attestandosi su una media annua di 896 euro. Federconsumatori, in collaborazione con l’Amministrazione provinciale e gli altri enti interessati, avvierà anche una serrata campagna informativa sulle quantità e le modalità dei consumi delle famiglie ternane, sul fabbisogno energetico degli elettrodomestici e delle altre apparecchiature elettriche, sulle fonti rinnovabili di energia, sulle tecnologie costruttive in funzione del risparmio energetico, sui finanziamenti e le agevolazioni per chi usa fonti alternative e sulla sicurezza domestica e le sue regole.

22/4/2007 ore 5:51
Torna su