30/03/2020 ore 13:03
Lavoro: contributi alle aziende che applicano orari flessibili ai dipendenti con prole
L’attuale normativa (legge 53/2000) prevede contributi alle aziende che intendano rendere più conciliabili i tempi della vita con quelli del lavoro dei dipendenti con figli. Ne potranno beneficiare le aziende che applichino accordi contrattuali che prevedano azioni positive per la flessibilità dell’orario di lavoro, finalizzata al sostegno della maternità e della paternità, alla realizzazione di programmi di formazione per il reinserimento dei lavoratori dopo il periodo di congedo, alla sostituzione del titolare d’impresa o del lavoratore autonomo che beneficino del periodo di astensione obbligatoria o di congedi parentali. Le domande di ammissione ai finanziamenti devono essere presentate entro lunedì 12 febbraio al Ministero del Lavoro e dalla Previdenza Sociale-Direzione generale del Mercato del Lavoro-Divisione IV, Via Fornovo, 8 – 00192 Roma. Per ulteriori informazioni gli interessati possono rivolgersi all’Ufficio della Consigliera di Parità provinciale, Raffaella Chiaranti, presso il Centro per l’Impiego di Terni, Via M.Claudio, 5 – telefono 0744­-483544.



6/2/2007 ore 5:44
Torna su