10/07/2020 ore 07:56
Terni: la polizia denuncia per maltrattamenti un 45enne che aveva rinchiuso ed abbandonato alcuni cani in un box nei pressi di via San Martino
I loro latrati, disperati, si stavano affievolendo sempre di più. E quando i poliziotti sono arrivati davanti al box dove erano rinchiusi erano allo stremo delle forze. Cinque cani, di varie razze, erano tenuti segregati all’interno di un box di lamiera, recintato con una rete metallica, nella zona di via San Martino, a pochi metri dalle sponde del Nera e non lontano dallo stadio “Liberati”. Un sesto animale era in terra, morto evidentemente già da qualche giorno. Gli agenti della Squadra Volante erano stati avvertiti dagli abitanti della zona che da molti giorni sentivano le povere bestie abbaiare continuamente, da qui il sospetto che fossero state abbandonate da qualcuno. Quando i poliziotti sono arrivati davanti al box i cani mordevano addirittura la rete metallica ed il pavimento del box era completamente pieno dei loro escrementi, e gli animali si presentavano in evidente stato di sofferenza: magrissimi e senza tracce di cibo e acqua nelle ciotole. Gli agenti facevano intervenire sul posto personale del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica per i rilievi fotografici del caso nonché personale dell’Asl per i provvedimenti d’urgenza. Gli agenti riuscivano poi a rintracciare il proprietario degli animali il quale risultava essere un ternano di 45 anni che veniva denunciato in stato di libertà alla locale Autorità Giudiziaria per la violazione alla normativa che tutela il sentimento per gli animali. L’uomo veniva ammonito a ripristinare i luoghi e curare gli animali. Il personale dell’Asl effettuerà gli accertamenti sull’animale morto, anche per individuarne le cause. I risultati verranno comunicati direttamente all’Autorità Giudiziaria.
3/2/2007 ore 15:15
Torna su