27/01/2020 ore 17:45
Terni: consegnati al Sii gli attestati di certificazione riguardanti Qualità, Ambiente e Sicurezza, l'azienda è ora ai primi posti in Italia
Al Sii (Servizio Idrico Integrato) sono stati consegnati nei giorni scorsi gli attestati di certificazione Qualità, Ambiente e Sicurezza secondo le norme UNI EN ISO 9001:2000, UNI EN ISO 14001:2004 e OHSAS 18001:1999. Le certificazioni sono state rilasciate dall’Istituto di certificazione “Certiquality” che, con questa consegna ufficiale, intende sottolineare l’importanza di questo obiettivo raggiunto dalla Sii. Infatti la Sii è tra le prime aziende a livello nazionale del settore Servizi Idrici ad ottenere la cosiddetta certificazione Qualità/Ambiente/Sicurezza. "Il sistema di gestione integrato adottato - si legge in una nota diffusa dalla Sii - è composto da un manuale di n. 8 capitoli e da n. 42 procedure suddivise nelle aree funzionali quali allacciamenti, commerciale, esercizio e manutenzione ordinaria, gestione degli investimenti e lavori, direzionale, qualità, sicurezza, ambiente e gestione risorse. Con l’intento di migliorare la fruibilità del sistema, tutta la documentazione risiede nel sito aziendale ed è accessibile agli operatori tramite password personali. In caso di revisione e/o integrazione della documentazione gli utenti interessati sono avvisati automaticamente dal sistema tramite mail. La implementazione di un sistema di gestione integrato, oltre a rappresentare un impegno previsto nel Piano d’Ambito, è stata, sin dall’inizio, uno specifica strategia aziendale volta al perseguimento del continuo miglioramento del servizio erogato. Nella consapevolezza che la certificazione non costituisce il risultato finale del processo, bensì rappresenta la parte iniziale di un percorso teso al continuo miglioramento delle performances gestionali e alla soddisfazione delle aspettative dell’utente - si legge ancora nel comunicato - , l’impegno è quello di perseguire tali obiettivi ricercando la collaborazione e accogliendo i suggerimenti che pervengono dagli azionisti, dalla Autorità di Ambito, dalle Istituzioni e Associazioni locali e dai nostri clienti che rappresentano i nostri più attenti attori interessati dall’azione della nostra società".
25/1/2007 ore 15:58
Torna su