16/02/2020 ore 22:15
Terni: Fabio Biscetti (FI) attacca il Comune riguardo i permessi per la Ztl e le politiche ambientali attuate: "un fallimento completo"
Troppi permessi per transitare nella zona Ztl. A denunciarlo è il consigliere Fabio Biscetti (Fi), il quale accusa il Comune di Terni di avere fallito in questi anni gli interventi riguardanti le politiche ambientali. "L’entrata in vigore del nuovo piano del traffico - osserva Biscetti - era stata sbandierata dal sindaco come la soluzione, attraverso una drastica riduzione dei permessi ed un rigorosa limitazione degli accessi delle auto, dei problemi di sovraffollamento del traffico in centro e come misura necessaria ed efficace al contenimento della concentrazione di polveri sottili. A circa due anni dalla sua attuazione l’unico dato incontrovertibilmente in positivo sono gli oltre 7 milioni di euro di contravvenzioni annue comminate ai cittadini ternani che per contro hanno visto aumentare i permessi di accesso in ztl, soprattutto per alcune categorie che sono evidentemente a cuore all’amministrazione comunale. Ma sono anche proliferati per mancanza di controllo dei vigili i parcheggi selvagg, con una i veicoli che aggirano l’inutile sorveglianza dei varchi seppur perennemente accesi. Ma ciò che rende questo stato di cose inaccettabile - continua Biscetti - è che avendo concentrato le stesse moli di traffico su una superficie stradale di molto ridotta aumentando così i tempi di percorrenza, la qualità dell’aria è peggiorata a tal punto che fino alla fine di marzo i cittadini ternani potranno 'godersi' anche le targhe alterne. Se a tutto questo aggiungiamo che si è aperto uno scontro istituzionale con la Provincia che senza mezzi termini ha accusato il Comune di ritardi e di mancanza di un piano strutturale che non si limiti solo ad affrontare le emergenze e che anche Confcommercio ha alla fine denunciato i danni arrecati agli operatori del comparto commerciale da tale miope politica, il quadro che ne esce è a dir poco deprimente. E’ giunto il tempo - ammonisce Biscetti -, di fare un serio approfondimento delle varie tematiche legate al Piano del Traffico e di una serena ma sostanziale rivisitazione, così come testimoniato anche dal fatto che si sono registrate prese di posizione ufficiali di consiglieri di maggioranza che, folgorati come S.Paolo sulla strada di Damasco, oggi ritengono quel provvedimento non più sostenibile".
9/1/2007 ore 5:41
Torna su