17/02/2020 ore 17:45
Terni: partono i saldi, dalla Confcommercio tutti i suggerimenti per fare buoni acquisti, occhio al prezzo e alla percentuale di ribasso
Domenica 7 gennaio è la prima delle domeniche di apertura programmate a Terni e coincide con l’avvio dei saldi invernali. "La Confcommercio - si legge in un comunicato - ha fortemente voluto questa data di inizio delle vendite di fine stagione che anticipa di diversi giorni l’inizio dei saldi in piazze commerciali limitrofe (principalmente Roma) proprio per consentire ai negozianti locali di poter utilizzare tutte le opportunità per incrementare le proprie vendite e far conoscere al maggior numero di visitatori le potenzialità e le offerte della nostra rete distributiva. Mai come quest’anno i saldi saranno veri e per il corretto acquisto degli articoli in saldo". La Confcommercio ricorda alcuni consigli da tenere presenti per non incorrere. Il primo di questi rigaurda i cambi delle merci acquistate: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n.24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto. La prova dei capi non ha alcun obbligo ed è rimessa alla discrezionalità del negoziante. Riguardo ai pagamenti le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l'adesivo che attesta la relativa convenzione. Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi non appartenenti alla stagione in corso. Il negoziante, infine, ha l'obbligo di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.
6/1/2007 ore 14:55
Torna su