22/11/2019 ore 20:51
Terni: colpo grosso della Guardia di Finanza che sequestra 1.400 giocattoli e articoli elettrici presso rivenditori cinesi scovati in provincia
Millequattrocento articoli sequestrati, tra giocattoli e altre apparecchiature elettriche, per un valore che si aggira sui 50.000 euro. E’ questo il risultato della brillante operazione portata a termine dai militari del nucleo di Polizia Tributaria di Terni al termine di una capillare attività di monitoraggio effettuata in tutta la provincia. L’operazione, denominata “Natale sereno” è stata condotta nei confronti di operatori commerciali extracomunitari, cinesi in particolare, nell’ambito di una campagna di controlli disposti dal comandante provinciale tenente colonnello Luca Patrone, con le specifico intento di assicurare la sicurezza dei prodotti in prossimità delle festività natalizie. Il sequestro effettuato dai finanzieri è il più grande in assoluto tra quelli effettuati in passato in Umbria e riguardanti la stessa tipologia di articoli. La merce sequestrata, composta da oltre 1.400 prodotti tra giocattoli (piste da corsa, punchball, bambole, peluches, macchine radiocomandate) e materiale elettrico (catene luminose per addobbi natalizi, stelle luminose, babbo natale con luminarie, rasoi elettrici ed altre apparecchiature elettriche), per un valore complessivo di circa 50.000 euro. I beni sottoposti a sequestro erano privi delle indicazioni obbligatorie previste dalla vigente normativa in materia di marchio "CE". I giocattoli erano stati prodotti con plastica di pessima qualità e con materiali considerati tossici dalle leggi italiane, mentre il materiale elettrico non era stato sottoposto ai preventivi test di conformità prima di essere immesso in commercio. "Per evitare rischi per la salute e la incolumità dei consumatori finali - spiega il comandante provinciale Luca Patrone - è necessario scegliere prodotti sui quali non solo sia stato apposto il marchio "Ce" ma che rechino anche le altre prescrizioni previste dalla legge". L’importante operazione di servizio si inquadra in un più vasto programma di qualificato ed attento controllo del territorio a tutela dei consumatori e del mercato stesso, dal momento che i controlli aiutano ad evitare la concorrenza sleale, da parte dei commercianti cinesi,nei confronti degli operatori commerciali che si approvvigionano di prodotti certificati e sicuri.
12/12/2006 ore 5:25
Torna su