04/12/2020 ore 11:52
Terni: ancora nessuna notizia di Roberto Dieghi, il 64enne ternano rapito insieme ad altri tre italiani in una stazione Agip in Nigeria
Non c'Ŕ nessuna novitÓ riguardo al rapimento di Roberto Dieghi, il 64enne ternano da due giorni in mano ai guerriglieri nigeriani. Dieghi, che Ŕ oroginario di Pergola ma vive a Terni dal moltissimi anni, era partito alla volta della capitale nigeriana lo scorso 24 novembre per occuparsi di alcuni lavori in corso presso la stazione Agip diu Brass, localitÓ presso la quale Ŕ stata preso in ostaggio dai guerriglieri del Mend, il movimento che si Ŕ creato qualche tempo fa e che ha come obiettivo la emancipazione del Delta del Niger. In base alle ricostruzioni si Ŕ saputo che otto uomini armati si sono introdotti nella stazione Agip e dopo avere aperto il fuoco sono scappati portando con se quattro ostaggi: tre italiani ed un libanese. Nel blitx i guerriglieri hanno ucciso un bambino che si trovava nie paraggi. Il gruppo di guerriglieri ha poi rivendicato l'operazione attraverso una email spedita alla France Press e nella quale veniva precisato che gli ostaggi stanno bene ma che potrebbero rimanere in mano dei rapitori per un tempo infinito, o almeno fino a quando non verranno liberati alcuni prigionieri attualmente rinchiusi nelle carceri nigeriane, il pagamento di quelli che i guerriglieri definiscono 'risarcimenti' cui secondo loro sarebbero tenute le compagnie straniere e la fine dello 'spadroneggiamento' che queste, sempre secondo gli autori del gesto, starebbero compiendo da anni nel loro territorio. La Farnesina ha subito attivato lo stato di emergenza e si Ŕ messa in moto per seguire minuto dopo minuto gli sviluppi della vicenda. Le ultime notizie sarebbero rassicuranti e pare che gli ostaggi godano buona salute, ma Ŕ certo che i loro famiglieri stanno comunque vivendo ore di angoscia. La famiglia di Roberto Dieghi vive nel quartiere di Borgo Rivo e dal momento in cui Ŕ stata diffusa la notizia del sequestro, Ŕ piombata in un comprensibile stato di apprensione. Il sindaco di Terni Paolo Raffaelli Ŕ in contatto diretto con Enrico Micheli, l'onorevole ternano Sottosegretario alla presidenza del consiglio, con delega ai servizi segreti, il quale si sta seguendo a sua volta con grande attenzione l'evolversi di questa vicenda.
9/12/2006 ore 15:50
Torna su