20/11/2019 ore 07:05
Terni: la città si classifica ai primi posti nel gradimento dei servizi da parte dei cittadini e il sindaco Raffaelli mostra la sua soddisfazione
Dopo l'alto indice di gradimento che ha visto il sindaco Raffaelli piazzarsi al primo posto in Italia, ora la Ekma Ricerche ha reso noti i risultati di "MonitorCittà", l’indagine che misura il consenso attribuito dai cittadini ai servizi municipali erogati e che ha interessato tutti i comuni capoluogo di provincia. La classifica del gradimento, riferita alle sole prime 20 città e stilata sulla base di un indice medio ponderato calcolato sui giudizi relativi a 23 servizi comunali, vede Terni collocata all’8° posto, dopo Bolzano, Trento, Sondrio, Biella, Reggio Emilia, Cuneo e Aosta, e prima di Belluno, Ravenna, Ancona, Modena, Macerata, Forlì, Siena, Rimini, Parma, Udine, Pordenone e Como. “Dall’indagine periodica di Ekma - commenta con soddisfazione il Sindaco Paolo Raffaelli -, ricaviamo ancora una volta l’immagine di una città in crescita, con una qualità dei servizi percepita dai cittadini che mette Terni tra le dieci migliori realtà italiane, appena dopo Bolzano, Trento e Reggio Emilia e ben prima di Modena, Ravenna e Parma. Credo che questo vasto apprezzamento, che corrisponde ad una rilevante qualità ed estensione dei servizi che il Comune di Terni è riuscito a sviluppare in questi anni, sia il frutto di una serie di misure che,se inizialmente hanno provocato fibrillazioni e tensioni, hanno anche riscontrato, una volta a regime, un vasto consenso. Siamo tra le primissime città italiane per il gradimento dei servizi resi ai cittadini in materia di sport, anagrafe, viabilità e traffico e tra i primi quindici centri capoluogo di provincia in materia di servizi sociali, trasporto pubblico, vigilanza urbana, manutenzione delle strade, parcheggi, politiche per le imprese; risultiamo tra i primi venticinque Comuni per la pulizia delle strade, la sicurezza, il verde pubblico, i tributi, l’edilizia e l’urbanistica. Sono dati su cui è bene riflettere: quando più di 64 cittadini su 100 approvano la qualità complessiva dei servizi resi dall’Ente locale, vuol dire che - ha concluso Raffaelli - il livello generale dell’Amministrazione municipale è tale da compensare, nella percezione della comunità, il gran numero di cose che naturalmente non funzionano, i ritardi, le inadeguatezze, i disguidi burocratici che inevitabilmente si accumulano in una pratica amministrativa vasta, complessa ed intensa come quella che accompagna la nostra città. E’ un segnale di apprezzamento che ci incoraggia a fare ancora meglio".



21/10/2006 ore 16:42
Torna su