13/10/2019 ore 22:49
Terni: la polizia arresta un 33enne ed un 35enne mentre tornano da Perugia dove erano andati ad acquistare droga
Erano andati a Perugia per rifornirsi di droga che avrebbero poi immesso sul mercato ternano ma sono stati intercettati dalla polizia e arrestati. E’ andata male a due ternani, T. L. di 33 anni e F. A. di 35 entrambi già noti alle forze dell’ordine per la loro illecita attività, trovati in possesso di un certo quantitativo di sostanze stupefacenti e arrestati per il reato di detenzione ai fini di spaccio. Personale della sezione narcotici della Squadra Mobile della Questura di Terni nel corso di servizi mirati alla repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti ha seguito i due ternani che a bordo di una autovettura, in uso al 35enne dopo aver fatto un giro vizioso in alcune strade della città, si dirigevano verso il raccordo e da qui imboccavano la statale che porta a Perugia. I poliziotti non avevano dubbi ed immaginavano che i due si fossero recati nel capoluogo non certo per fare una gita di piacere ma piuttosto per rifornirsi di droga. E così dopo un appostamento durato alcune ore, verso le 17 ecco che gli agenti individuano nuovamente la macchina dei due ternani di ritorno dalla trasferta perugina. Non appena le condizioni di traffico e di sicurezza lo permettevano, gli agenti intimavano al conducente del veicolo di fermarsi ed i due venivano invitati a scendere dalla macchina. All'interno del mezzo veniva rinvenuta una siringa di quelle usate normalmente per l’insulina, contenente però del liquido che è poi risultato essere cocaina. Accompagnati in Questura i due giovani venivano sottoposti ad una più accurata perquisizione. Stessa sorte toccava all’autoveicolo. Così i poliziotti scoprivano, ben celato sotto la leva del cambio, un pacchetto di sigarette al cui interno erano celati quattro involucri in cellophane ognuno contenente sostanza polverulenta per un peso complessivo di circa 20 grammi che all’esame del kit-test risulta reagire alla presenza di derivati della coca. Nel vano della batteria, posizionata sotto il pianale interno lato passeggero, veniva invece rinvenuta una carta d’identità intestata ad altra persona ma con la foto di T. L., quel documento risultava essere stato smarrito qualche tempo prima dal titolare che aveva sporto regolare denuncia presso la Questura. Sempre all’interno del mezzo venivano trovati un carnet di assegni, una carta di credito e un rotolo di nastro adesivo nero. In casa di F. A. veniva rinvenuto materiale idoneo per il confezionamento delle sostanze stupefacenti. Al termine degli accertamenti di rito entrambi gli uomini sono stati tratti in arresto ed associati al locale carcere a disposizione del P.M. di turno Barbara Mazzullo.
12/10/2006 ore 15:58
Torna su