17/10/2019 ore 14:35
Calvi dell'Umbria: bovini escono dagli allevamenti e se ne vanno a spasso per le strade del paese, il sindaco corre ai ripari firmando un'ordinanza
Un'ordinanza contro i bovini. Niente a che vedere con dei provvedimenti di carattere sanitario, qui non c'entra niente la mucca pazza semmai il problema riguarda più gli allevatori che d'ora in avanti rischiano di pagare salata qualche loro distrazione. A Calvi dell'Umbria il sindaco Silvano Lorenzoni è stato costretto ad emettere una ordinanza con la quale obbliga i proprietari di capi bovini a custodire nei loro recinti gli animali e a verificare costantemente che essi non trovino dei varchi attraverso i quali uscire e andarsene a zonzo per le strade adiacenti la cittadina mettendo in serio pericolo la viabilità e creando anche panico nella popolazione. "Il fenomeno dei bovini randagi si sta verificando da qualche anno nel nostro territorio – spiegato il sindaco Lorenzoni –. Gli animali escono dai tantissimi allevamenti che sono presenti nella zona boschiva che confina con la Sabina, distruggono tutto quello che trovano lungo il loro cammino e arrivano anche a fare dei danni ingenti alle colture. Per lungo tempo, attraverso la collaborazione dei carabinieri e del Corpo Forestale dello Stato, abbiamo cercato di tamponare la situazione andando, soprattutto di notte, a recuperare i bovini segnalati lungo qualche strada ed a riconsegnarli ai legittimi proprietari, ma ultimamente la situazione era diventata insostenibile e quindi abbiamo deciso di ricorrere all'ordinanza: se troveremo dei capi di bovini in giro per le strade del paese non avremo esitazione ad abbatterli".
10/10/2006 ore 15:10
Torna su