15/11/2019 ore 04:34
Terni: un 33enne narnese abbandona di notte l'auto lungo la Flaminia, la Municipale gliela sequestra e lui minaccia di dare fuoco a tutti
Finisce la benzina e abbandona l’auto sul ciglio della strada, torna il giorno dopo per riprenderla ma non trovandola minaccia di dar fuoco alle persone che avevano richiesto l’intervento del carro attrezzi per rimuovere la macchina. Protagonista della singolare avventura è stato un narnese (M.D. di 33 anni) che due notti fa, intorno alle 3, mentre percorreva via Narni alla guida della sua autovettura, rimaneva senza carburante. L’uomo decideva così di arrestare il mezzo proprio in corrispondenza della strada di accesso di un ristorante e della annessa abitazione, non rendendosi conto che così facendo avrebbe creato intralcio sia alle persone che fossero dovute entrare in casa che ai clienti del ristorante. Non solo: l’auto, abbandonata sul ciglio della strada, occupava una parte della carreggiata creando oggettiva situazione di pericolo per gli stessi automobilisti che percorrevano la Flaminia. Il titolare del ristorante ha atteso per tutta la mattinata di ieri che qualcuno si facesse vivo per recuperare il mezzo poi, intorno a mezzogiorno, ha deciso di chiamare la Polizia Municipale di Terni che è arrivata con una pattuglia ed ha sequestrato la macchina. Solo nel pomeriggio il 33enne narnese è tornato a riprendere il mezzo, portando con sé una bottiglia di benzina che gli sarebbe tornata utile per rimboccare il serbatoio vuoto. Quando però le persone che si trovavano nei pressi del ristorante gli hanno detto che l’auto era stata portata via dal carro attrezzi perché intralciava, il narnese ha cominciato a dare in escandescenze, minacciando i presenti che avrebbe dato fuoco a tutti. Qualcuno si impauriva e chiamava il 112, poco dopo sul posto giungeva una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile che provvedeva a bloccare l’uomo ed a porre sotto sequestro la bottiglia contenente il liquido infiammabile. Il giovane narnese veniva denunciato in stato di libertà per minaccia aggravata alla Procura della repubblica di Terni.
27/9/2006 ore 15:05
Torna su