14/08/2020 ore 04:06
Gabelletta: un giovane in preda a raptus minaccia il padre con una sciabola, in casa i carabinieri gli trovano marijuana, hashish e canapa indiana
Minaccia il padre con una sciabola a seguito di un diverbio che stava per sfociare in tragedia. L'arrivo dei carabinieri, chiamati dal genitore, anzichè calmare il giovane protagonista di questa triste vicenda, sortiva l'effetto contrario tanto che l'uomo, questa volta senza armi in mano, si scagliava nuovamente contro il padre e solo il tempestivo intervento dei militari evitava il peggio. L'uomo è stato così bloccato e tratto in arresto. L'episodio si è verificato intorno alle 11 di ieri mattina. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Terni, unitamente a quelli della stazione di Sangemini, sono intervenuti nella zona di Gabelletta, poiché un uomo aveva segnalato al 112 che il proprio figlio stava minacciando di volerlo colpire con una sciabola. Giunti sul posto i militari trovavano l’uomo, in evidente stato di agitazione, il quale riferiva che, a seguito di un diverbio, il figlio lo aveva minacciato con un’arma da taglio dopo aver danneggiato i mobili ed altri oggetti all’interno dell’abitazione e che si era poi barricato all'interno dell’appartamento. I carabinieri invitavano il giovane ad uscire, questi sembrava ubbidire ma una volta fuori dall'appartamento, alla vista del padre gli si scagliava contro; per fortuna uno dei militari era lesto ad intervenire evitando così il contatto tra i due. L'uomo veniva poi bloccato e reso inoffensivo. Successivamente i carabinieri provvedevano a
perquisire l’abitazione trovando la sciabola utilizzata per le minacce, nonché una dose di sostanza stupefacente, tipo marijuana, e tre grammi di
hashish. Nel giardino sono state inoltre trovate tre piante di canapa indiana alte circa un metro. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro. Il
giovane veniva tratto in arresto per minacce aggravate e detenzione
di sostanze stupefacenti e tradotto al carcere di Sabbione a disposizione
dell’Autorità Giudiziaria.

23/9/2006 ore 5:25
Torna su