03/12/2020 ore 21:53
Niente più vigili urbani con l'autovelox sul raccordo Terni-Orte, un decreto del Prefetto impedirà alla Municipale di rilevare la velocità
Niente più vigili urbani sul raccordo a fare multe con l’autovelox. Il decreto emanato nei giorni scorsi dal Prefetto di Terni farà felici migliaia di automobilisti che transitano ogni giorno nel tratto narnese del Ra.T.O. ma scontentano in qualche modo l’amministrazione comunale che da questo tipo di controlli poteva introitare delle somme considerevoli. A cantare vittoria è anche Piero Fiordi, ex consigliere comunale del Pri, ma soprattutto ex comandante della Polizia Municipale di Narni, corpo che aveva diretto per moltissimi anni. “Il decreto della Prefettura di Terni – attacca Fiordi – spazzerà via gli autovelox dei vigili urbani dei comuni della zona sia dal raccordo Terni-Orte che dalla E-45. Non è per accaparrarmi dei meriti ma vorrei ricordare che già nel marzo di due anni fa avevo inviato una lettera al Prefetto ed al Comandante provinciale della Polizia Stradale, per segnalare loro questa anomalia. Nel documento – precisa l’ex comandante dei vigili urbani narnesi – avevo scritto che, per quanto riguardava la realtà di Narni, era paradossale che i vigili venissero mandati a pattugliare il raccordo ed a rilevare la velocità con l’autovelox, quando per mancanza di personale gli stessi vigili non erano nemmeno in grado di garantire i normali servizi nelle strade comunali. E’ vero che l’art. 12 del Codice della strada stabilisce che l’espletamento dei servizi di Polizia stradale spetta anche ai Corpi di Polizia Municipale nell’ambito del territorio di competenza, ma l’art.11 comma 3 stabilisce che ai servizi di Polizia stradale provvede il Ministero dell’Interno, salve le attribuzioni dei Comuni per quanto concerne i centri abitati. E’ quindi evidente – sottolinea Fiordi - che il compito principale dei Vigili Urbani è quello del controllo della circolazione nei centri abitati per la tutela della incolumità degli abitanti. L’Assessore alla Polizia Municipale di Narni, in risposta ad una mia interrogazione sull’opportunità di inviare i Vigili sul raccordo, affermò che poiché il Prefetto aveva stabilito che in quel tratto non c’è obbligo di contestazione immediata, aveva ritenuto dare disposizioni in tal senso attenendosi ad una sorta di ‘ordine’ impartito dalla Prefettura”. Fiordi, dunque, è soddisfatto di come siano andate a finire le cose: “I controlli su questo tipo di strade deve farli la Polizia Stradale. Spetterà a questa forza pubblica, eventualmente, richiedere l’ausilio, in casi particolari, di altri Corpi di polizia municipale. I vigili vengano utilizzati per espletare la moltitudine di servizi che ogni giorno vanno effettuati in un territorio vasto come è quello di Narni”.
21/4/2006 ore 5:15
Torna su