21/11/2019 ore 07:29
Il Tar dell'Umbria ha deciso: Mara Gilioni ha vinto la disputa che la vedeva opposta a Stefano Cimicchi per il posto di consigliere regionale
Mara Gilioni ce l’ha fatta. Il Tar dell’Umbria le ha dato ragione e quindi l’esponente diessina può rimanere a Palazzo Cesaroni in qualità di consigliere regionale e di vice presidente dello stesso consiglio. Il tribunale amministrativo regionale ha dunque confermato la posizione della Gilioni che era stata eletta nell' aprile di un anno fa nella la lista dell' Ulivo per la circoscrizione di Terni. A dare la buona notizia è stato l' avvocato della Gilioni, Angelo Velatta. Contro questa elezione aveva presentato ricorso il primo dei non eletti della stessa lista, l' ex sindaco di Orvieto, Stefano Cimicchi. I due contendenti nelle operazioni di conteggio che avevano determinato l'ingresso di Gilioni in Regione, erano divisi da due voti: 5.723 per la prima, 5.721 per il secondo. Con la sentenza del Tar si chiude dunque una vicenda che si stava trascinandoi da mesi creando anche si tuazioni di imbarazzo a livello politico. La Gilioni ha commentato con soddisfazione la sentenza: “lavorare in queste condizioni non era certo il massimo – ha detto – ora finalmente mi sentirò più tranquilla e potrò andare avanti nel ruolo che mi è stato affidato senza sentirmi questa sorta di spada di Damocle che mi pendeva in capo”. Molto amaro il commento di Stefano Cimicchi, lo sconfitto. “Il Tar dell’Umbria – ha detto l’ex sindaco di Orvieto - ha sostanzialmente confermato il risultato delle elezioni regionali dell’anno scorso. Potrei affermare eufemisticamente che sono il primo dei non eletti della lista “Uniti nell’Ulivo” per il Consiglio Regionale dell’Umbria. Ne prendo atto con rammarico e non intendo aggiungere altro. Solo due ringraziamenti ed un auspicio. Alla mia famiglia che ha dovuto sopportare un intero anno di tensioni aggiuntive a quelle subite in tanti anni di attività politica. Qualsiasi cosa farò questa è stata da sempre la mia forza e la mia fortuna! Agli avvocati Nicola Pepe e Francesco De Matteis che mi hanno seguito con grande professionalità e con sincero affetto. A loro va la mia stima ed i migliori auguri per ogni successo futuro! Le mie opinioni ed il mio atteggiamento di fronte alle cose non cambiano per questo risultato. Continuerò a lavorare per la mia città e per il mio Paese come ho sempre fatto seppur da una posizione che non è quella che mi sarei aspettato. Poco male; c’è sempre da imparare nuove cose. Intanto spingiamo ancor più avanti questa campagna elettorale per dare al Paese un nuovo Governo che è la vera priorità del momento”.
22/3/2006 ore 19:56
Torna su