15/11/2019 ore 00:54
Narni: salta il consiglio comunale per mancanza di 11 consiglieri, si doveva parlare di corsa all'anello e dell'entrata nel consorzio universitario
Ancora un rinvio. La seduta straordinaria del consiglio comunale convocata per sabato mattina (18 marzo) non ha avuto luogo per mancanza del numero legale dei consiglieri, così per la seconda volta nel giro di tre giorni è stata rimandata l’importante discussione riguardante l’ingresso del Comune di Narni nel Consorzio universitario del polo ternano, che è stata fatta slittare a mercoledì. I consiglieri che sabato non si sono presentati all'importante appuntamento hanno dimostrato con questo loro gesto, di non avere a cuore ne l'argomento corsa all'anello nè il futuro dell'università a Narni. Ai cittadini il compito di trarre delle conclusioni e di valutare quanto accaduto. Basandoci sui dati aggettivi possiamo solo dire che quando sabato mattina il presidente del consiglio comunale Sergio Saleppico ha fatto l’appello è venuta fuori la brutta sorpresa: erano assenti ben 11 consiglieri, e quindi non è stato possibile dare il via ai lavori. Sarebbe bastato un solo consigliere in più a garantire il numero legale che avrebbe permesso di concludere la discussione sulla corsa all'anello ed aprire quella riguardante l'adesione del Comune di Narni al Consorzio universitario. Stavolta a determinare, da un punto di vista proporzionale, il mancato svolgimento del consiglio è stato il gruppo di minoranza che ha disertato in blocco il consiglio. All'appello si è presentato soltanto il consigliere Bruschini (FI), mentre erano assenti Lanari e Emiri (An) e Favilli e Novelli (Insieme per cambiare). Favilli e Lanari sono arrivati in aula solo in tarda mattinata ma non hanno spiegato se la loro assenza era stata motivata da un atteggiamento di protesta (!) nei confronti degli importanti argomenti che si sarebbero dovuti discutere, o se hanno ritardato per ragioni personali. Lunga la lista degli assenti nelle fila del centrosinistra: Amici, Tassi e Proietti (DS), Latini (Margherita), Ratini (RC), Capotosti e Pileri (Popolari Udeur). “Qualcuno dei consiglieri assenti era giustificato in quanto aveva degli impegni di lavoro – ha detto Sergio Saleppico – ma gli altri, non presentandosi, hanno dimostrato di avere uno scarso attaccamento al ruolo che rivestono. Sono molto amareggiato per questa ennesima defaillance; avevamo appositamente deciso di rinviare il consiglio a questa mattina per concludere la discussione sulle problematiche della corsa all’anello e passare poi all’approvazione dell’entrata del nostro Comune nel consorzio universitario, ma a quanto si è visto questi temi non interessano più di tanto i nostri consiglieri”. Saleppico non lo dice ma certo è che coloro che sabato mattina erano assenti hanno fatto fare una bruttura figura alla città, in quanto per sancire la costituzione del consorzio manca solo il “si” di Narni dal momento che le altre amministrazioni hanno già provveduto alla ratifica. Ora ci sarà un nuovo consiglio mercoledì, “ma prima di qualsiasi altra cosa dovremo parlare di bilancio e procedere poi alla sua approvazione”, ha detto Saleppico, “solo dopo aver definito questa importante discussione si potrà cominciare a parlare del consorzio”. Come dire che potremmo assistere ad un nuovo rinvio. Insomma l'università può attendere, secondo il modo di ragionare di molti consiglieri comunali narnesi.
20/3/2006 ore 5:22
Torna su