21/11/2019 ore 23:09
Segnaletica orizzontale quasi invisibile, situazione paradossale in via Tuderte dove ci sono strisce pedonali "doppie" che creano pericolo ai pedoni
Sbiadite. In alcuni punti quasi non si vedono. Le strisce pedonali di via Tuderte, della zona di Tre Ponti e di via Roma non si vedono e questo crea delle situazioni di pericolo per i pedoni i quali ogni volta che si accingono ad attraversare la strada lo fanno consapevoli del grosso rischio che corrono. La situazione più critica è proprio quella che si registra in via Tuderte dove da più di due anni ci sono addirittura delle strisce “doppie”, nel senso che la Provincia ad un certo punto ha deciso di spostare di qualche metro gli attraversamenti pedonali e quindi ha fatto ridipingere delle nuove strisce zebrate senza però cancellare quelle vecchie. Il risultato è stato quello che si può immaginare: la gente attraversa quando su una striscia, quando sull’altra ma nel caso malaugurato di un investimento sulla striscia sbagliata cosa accadrebbe? Chi avrebbe ragione? L’automobilista o il pedone? Al di là di questi aspetti giuridici sarebbe ora che la Provincia rivedesse in generale la segnaletica orizzontale delle strade di sua competenza che cadono all’interno del centro abitato di Narni e Narni Scalo. Il problema delle strisce pedonali è solo la punta dell’iceberg perché la segnaletica andrebbe rifatta un po’ dappertutto. In via Roma la situazione è disperata ma lì prima di rifare le strisce è necessario riasfaltare la strada che è in condizioni drammatiche. Inutile continuare a riempire con camion di bitume le centinaia di buche che costellano il tratto che va da piazza Garibaldi fino a San Girolamo, sono solo soldi buttati al vento perché dopo qualche pioggia le buche si riaprono e la situazione ridiventa tale e quale a prima. Per non parlare dei disagi che le gobbe e gli avvallamenti prodotti dal bitume provocano agli automobilisti e, peggio ancora, ai conducenti di scooter e moto. Segnaletica scolorita anche a Tre Ponti: all’altezza del bivio con la strada di Santo Pietro ci sono delle strisce pedonali che ormai si possono solamente intuire e risultano difficile da vedere persino dai pedoni. Incidenti stradali in questo punto se ne contano a bizzeffe. La gente si chieda il perché la Provincia non intervenga in modo regolare per ridisegnare le strisce ogni qualvolta queste si sbiadiscono. A Narni Scalo spesso è stata propria questa incuria a provocare degli incidenti anche di una certa gravità. La scorsa settimana una donna è stata investita proprio sulle strisce al bivio tra via Tuderte e viale della Stazione. Quasi sempre a determinare questi sinistri sono i limiti di velocità non rispettati dai conducenti degli autoveicoli ma ad incidere è anche la scarsa visibilità determinata dalla segnaletica orizzontale.
6/3/2006 ore 5:41
Torna su