15/11/2019 ore 03:59
Patto di territorio: importante riunione in Provincia per fare il punto della situazione, erano presenti le istituzioni e gli altri enti coinvolti
Si è svolta ieri in Provincia una riunione per la verifica di tutti gli impegni relativi al “Patto di Territorio”. Erano presenti gli Assessori regionali allo “Sviluppo economico” e alle “Infrastrutture” Mario Giovannetti e Giuseppe Mascio, il Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli, i Sindaci di Terni, Paolo Raffaelli, di Narni, Stefano Bigaroni, il Direttore di Sviluppumbria, Vinicio Bottacchiari, i Segretari confederali e di categoria delle Organizzazioni sindacali, il Presidente dell’Assoindustria di Terni, Stefano Salvati, ed il Prorettore prof.Pietro Burrascano. Il Presidente della Provincia ha aperto il dibattito con una indicazione generale del quadro di riferimento ed ha dato la parola agli Assessori regionali che hanno svolto specifiche relazioni sull’attività posta in essere. A tale proposito è stato illustrato il lavoro effettuato per il “Distretto tecnologico”, per il quale è previsto l’accordo con il Ministero competente entro il mese di febbraio, con una dotazione di risorse di 50 milioni di euro, 25 dei quali a carico della Regione. Per i finanziamenti relativi alla legge 181, insieme al Ministero delle “Attività produttive”, sono stati individuati il percorso e gli adempimenti necessari per la presentazione di progetti che riguardano l’area Terni-Narni. ed in tal senso è stato svolto il lavoro necessario da parte di Sviluppumbria. Si è, altresì, precisato che la Commissione istituita per la questione energetica terminerà l’iter entro il termine del 31 marzo, nel rispetto delle indicazioni previste dal protocollo sottoscritto, consentendo in tal modo di rispondere ad un’esigenza reale condivisa da tutti i soggetti. Sul fronte delle infrastrutture è stata evidenziata la sofferenza finanziaria derivante dalle dotazioni poste in essere dal Governo che ammontano a circa la metà rispetto a quelle richieste e che, inevitabilmente, sta creando problemi anche agli impegni assunti con il “Patto”, fermo restando che si sta procedendo in ogni sede per far rispettare il crono-programma stabilito. In merito all’Università è stata comunicata la conclusione delle procedure per la costituzione del “Consorzio” che vedrà la realizzazione con le prossime deliberazioni, già formalmente attivate, della Provincia, del Comune di Narni e della Regione dell’Umbria, con una razionalizzazione complessiva e con l’impegno dell’istituzione a Narni del corso di laurea in “Scienze della sicurezza”. L’Assessore Giovannetti ha anche annunciato che l’interesse concreto per un progetto di rilevanza quantitativa e qualitativa da realizzarsi nel complesso Bosco è tuttora presente con la possibilità di chiudere il rapporto rapidamente seppur con una attuazione graduale dell’iniziativa. Nel dibattito è intervenuto, tra gli altri, anche il Sindaco di Terni che ha ribadito l’impostazione generale delle Istituzioni. Concludendo il dibattito, il Presidente Cavicchioli ha confermato la disponibilità delle Istituzioni al confronto costante con un corretto metodo di concertazione, annunciando la prossima riunione del Tavolo all’esito del termine dei lavori della “Commissione per l’approvvigionamento energetico”, ha comunicato il coinvolgimento del settore chimico nelle dinamiche in corso, ritenendolo fondamentale per lo sviluppo locale ed ha fatto presente che le Istituzioni svolgeranno un’azione per la programmazione generale dell’attività del “Consorzio delle Aree industriali” tenendo conto del nuovo Consiglio di Amministrazione insediato, ritenendolo uno strumento essenziale per l’attività di promozione industriale che deve procedere di pari passo con l’azione di Sviluppumbria. Cavicchioli ha anche chiesto la collocazione del Comprensorio Orvietano, attualmente collegato con il territorio del Trasimeno per le tematiche del “Patto per lo Sviluppo” dell’Umbria, nell’ambito della provincia di Terni sulla base delle azioni che si stanno portando avanti insieme ormai in tutti i settori.

22/2/2006 ore 15:35
Torna su