22/11/2019 ore 23:35
Narni: la serrata dei commercianti alimenta il fuoco della polemica, secondo i cittadini iniziative di questo genere non fanno bene alla città
Detto e fatto. Alle 13 di sabato i commercianti del centro storico di Narni hanno abbassato le serrande dei loro negozi ed hanno deciso di riaprirle solo stamattina. Sabato pomeriggio e domenica tutti chiusi per protestare contro la decisione dell’amministrazione comunale di chiudere al traffico ai non residenti le vie che vanno dall’arco del Duomo in poi. Una protesta forte e compatta che mai prima d’ora si era verificata a Narni ed alla quale hanno aderito anche alcuni commercianti di piazza Garibaldi e via Roma, di quelle zone cioè che non sono coinvolte nel provvedimento del Comune. Gli esercenti hanno affisso sulle saracinesche dei negozi un volantino nel quale si spiega il motivo della loro decisione che si riconduce alla decisione del Sindaco di vietare nei week-end il transito nelle vie del centro agli automobilisti non residenti. “Questa decisione penalizza i nostri affari – spiegano i commercianti – e lo abbiamo potuto constatare nelle scorse settimane, quando abbiamo battuto la metà esatta degli scontrini fatti nei sabati in cui il traffico non era stato chiuso. Gli affari per noi sono già magri, prendere una decisione del genere equivale a dare a qualcuno di noi il colpo di grazia”. I commercianti sarebbero anche disposti a rivedere il piano del traffico e a accettare anche le ipotesi di una chiusura, “a patto però che il Comune metta in piedi delle iniziative che incentivino la gente a venire a Narni, a passeggiare lungo le vie del centro e di conseguenza a fare dei potenziali acquisti nei nostri negozi”. Cosa succederà dopo questa presa di posizione è difficile saperlo. In Comune stavolta sembrano irremovibile e nessuno di loro è disposto a tornare indietro ed a rivedere la decisione di chiudere il traffico nei fine settimana. Con la serrata, in ogni caso, i commercianti si procurano un danno ulteriore ma questo, evidentemente, era già stato messo in preventivo. Critici molti cittadini rispetto alla decisione dei commercianti. La maggior parte delle persone, pur non schierandosi a favore di nessuna delle due parti, ha criticato la scelta della serrata ritenendo che decisioni di questo genere fanno solo male alla città ed alla sua immagine.
20/2/2006 ore 5:50
Torna su