19/10/2019 ore 14:06
Terni: partiti i lavori per la realizzazione della nuova sede universitaria del corso di laurea in Medicina e Chirurgia
Organizzata dal Consorzio Universitario “Completamento del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di Terni” e dall'Università degli Studi di Perugia - Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia, si è tenuta nei giorni scorsi, presso l'area del cantiere in viale Trieste, la cerimonia di posa della prima pietra della nuova Sede della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Terni. La nuova sede della Facoltà di Medicina sarà costruita dall'Euroconst, Consorzio Stabile di Napoli con esperienza consolidata nella realizzazione di edifici pubblici, autostrade, strutture portuali, che si è aggiudicato l'appalto per i lavori. Il costo complessivo dell’opera sarà di 14 milioni e 787 mila euro. Parteciperanno alla spesa, per il 73% la Regione dell’Umbria, la Provincia e il Comune di Terni, per il 21% l’Università degli Studi di Perugia e, per il restante 6%, l'Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni. I lavori dureranno 500 giorni. La sede sarà edificata all’interno di un lotto di 13.265 metri quadrati, su tre edifici connessi da percorsi coperti a formare un “unicum funzionale”. La superficie edificata di progetto è di circa 7800 mq con una volumetria di circa 44.000 mc. L’intevento si completa con le sistemazioni esterne che comprendono parcheggi per circa 140 posti auto, quinte alberate, sistemazione del fosso di Valenza e della viabilità di penetrazione. La nuova Sede Universitaria del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di Terni sarà edificata in un’area destinata a tale scopo dal PRG del Comune di Terni all’interno di un lotto contiguo al complesso dell’Azienda Ospedaliera S. Maria, tra viale VIII Marzo e viale Trieste. A separare le due strutture è il fosso di Valenza, che confina con l’area della nuova Sede il lato orientale, rendendo il lotto una ideale appendice di Colle Obito, posto all’interno del tessuto urbano della città. Il progetto prevede una doppia accessibilità: veicolare e pedonale da Viale Trieste, esclusivamente pedonale da viale VIII Marzo. In virtù dell’idea progettuale, l’edificio dovrà assumere una caratterizzazione simbolica in direzione di un nuovo impulso culturale e infrastrutturale dell’area ternana, andando a completare un vuoto urbano in stato di degrado ed integrandosi con gli edifici del presidio ospedaliero. Oltre gli aspetti urbanistici, il progetto risponde ai requisiti funzionali e dimensionali richiesti dal Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, secondo i più moderni canoni didattici e normativi dell’edilizia universitaria. Il complesso accademico si articola su tre edifici connessi da percorsi coperti a formare un “unicum funzionale”. I corpi di fabbrica prendono origine da una maglia modulare, studiata per rendere ottimale la fruizione, la gestione degli spazi, l’integrazione delle aree funzionali, in linea con le esigenze rappresentare dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia. L’intervento si completa con le sistemazioni esterne, che comprendono parcheggi per circa 140 posti auto, quinte alberate, sistemazione del fosso di Valenza e della viabilità di penetrazione.
15/2/2006 ore 11:15
Torna su