21/07/2019 ore 04:05
Favilli e Novelli accusano Bigaroni di aver usato "due pesi e due misure" nelle questioni riguardanti l'ecoisola e la centrale
“Due pesi e due misure “. Secondo Adiberto Favilli e Federico Novelli (Insieme per cambiare) “questo è stato il sistema usato dal sindaco Bigaroni per fronteggiare due situazioni in cui c’erano di mezzo gli interessi dei cittadini: quelli di Ponte San Lorenzo, che non vogliono l’ecoisola e quelli di Nera Montoro e San Liberato che non vogliono la centrale. Con i primi il sindaco ha mostrato il pugno duro, affermando in modo categorico che il manufatto deve essere installato in quella sede perchè essa rappresenta il luogo più adatto e comunque ne va dell’interesse dell’intera comunità, con gli altri, sulla questione della centrale, Bigaroni non ha mostrato la stessa fermezza, anzi ha deciso di schierarsi al loro fianco divenendone addirittura il paladino. Bigaroni è nato e risiede a San Liberato e sono stati i suoi concittadini, negli ultimi anni, a farlo diventare dirigente del partito e poi addirittura sindaco. Come avrebbe potuto lui rivoltarsi alla sua gente e mostrare i pugni così come ha fatto con i cittadini di Ponte San Lorenzo? Due pesi e due misure, dunque, ma non è così che si amministra seriamente una città e soprattutto non si possono fare dei favoritismi nei confronti di nessuno”.
10/2/2006 ore 14:55
Torna su