17/10/2019 ore 23:23
Narni: misterioso manifesto affisso sui muri della città, gli ignoti autori esortano le istituzioni a dare un futuro certo alla rocca
Una burla o un modo originale per fare propaganda politica ed attaccare la giunta comunale? Quale delle due interpretazioni dare al manifesto apparso ieri mattina sui muri della città e sui vetri di tutte le bacheche dei partiti politici, nel quale si parla del destino della rocca e dell’utilizzo che ne è stato fatto sino ad oggi? Che gli autori di questo “scherzo” siano gli stessi che pochi giorni fa, sempre di notte, avevano imbrattato con scritte offensive i manifesti di Forza Italia e dei Diesse? A firmare il manifesto è stata una fantomatica “Brigata Gattamelata” la quale ha annunciato l’uscita di altri “comunicati” destinati “al popolo di Narnia”. Il testo riportato sul manifesto, scritto con inchiostro nero su carta bianca, recita così : “Cittadini! L’ultima provocazione all’orgoglio cittadino non può essere tollerata! I colpevoli dovranno rendere conto! Dal 1985 si consuma sotto gli occhi di tutti lo stupro della nostra vecchia, cara, aristocratica rocca. Colei che fu un tempo temuta guardiana papalina, fortezza e luogo di punizione, ma anche rifugio di amanti senza dimora, colei che tenemmo in vita alimentata solo dai nostri sogni e dalla nostra fantasia, eccola lì, di giorno rigida sulle sue torri con le sue finestre fisse verso l’infinito come occhi dallo sguardo assente, e dopo il tramonto, rannicchiata all’ombra delle luci sfolgoranti e dorate di Villa Martinori. Tutti si proclamarono attenti alla sua rinascita: la volevano museo d’arte contemporanea, ma l’idea invecchiò precocemente e cominciò così la ‘Novela de la Rocca Albornoziana’ A poco a poco – si legge ancora nel manifesto – la rocca si allontana dai pensieri fantastici dei narnesi, restano in pochi a discutere del suo destino, a porte spalancate la Vecchia Signora aspetta il prossimo cliente. Basta Signor Sindaco! E voi, consiglieri dell’opposizione, smettete di giocare con le montagne russe e le realtà virtuali di ‘Mirabilandia’, che usate solo come miraggio elettorale, alzate lo sguardo, se questo governo non ci permette di ‘essere orgogliosi di essere italiani’ adoperiamoci almeno per ritrovare l’orgoglio della nostra Città!”.
9/2/2006 ore 5:09
Torna su