21/07/2019 ore 04:43
Ponte San Lorenzo: Marco Ricci, presidente della circoscrizione Narni Est, difende la scelta del Comune riguardo all'installazione dell'ecoisola
E’ il primo intervento ufficiale della nuova assemblea territoriale n.3, quella di Narni est. Ed è subito un intervento importante perché riguarda una diatriba che si è aperta nei giorni scorsi tra una parte degli abitanti della frazione di Ponte San Lorenzo ed il sindaco Bigaroni. Pomo della discordia l’ecoisola che dovrà sorgere all’ingresso del paese, nei pressi della chiesa parrocchiale. E sono stati proprio i membri del Consiglio Pastorale della parrocchia a promuovere una petizione che ha portato alla raccolta di 300 firme, appartenenti a cittadini i quali dicono di non volere per nessuna ragione l’ecoisola in quel punto della frazione. “E’ brutta a vedersi, emana cattivi odori e poi non è giusto che venga collocata a pochi passi dalla chiesa ed in prossimità del punto dove a breve verrà costruita la nuova scuola elementare”. Non è di questo avviso Marco Ricci, il presidente dell’assemblea Narni est il quale afferma piuttosto che “E’ pretestuoso affermare che l’ecoisola possa essere fonte di cosìm tanti problemi. Ho visto con i miei occhi nel centro storico di Bologna delle strutte identiche a quella che dovrà sorgere a Ponte San Lorenzo, e posso assicurare che non ho mai sentito un cattivo odore o notato degli aspetti così inquietanti. Mi pare che si sta esagerando attorno ad un problema che in realtà non si può definire tale. Tra l’altro – continua Ricci – va ricordato che il percorso che ha portato l’amministrazione comunale a scegliere il luogo che oggi viene contestato da qualcuno, è stato approvato dalla gran parte dei cittadini nel corso di due affollatissime assemblee pubbliche che hanno avuto luogo nello scorso mese di settembre. E’ esagerato paragonare una ecoisola ad una discarica. Anzi – conclude Ricci – dico che il luogo scelto per installare questo nuovo impianto non poteva essere migliore, proprio perché stando in un punto centralissimo garantirà una visibilità totale ed impedirà a chiunque di abbandonare scriteriatamente dei rifiuti”.
3/2/2006 ore 11:05
Torna su