17/07/2019 ore 20:20
Narni: i giardini di San Bernardo sono diventati dei parcheggi abusivi, c'è gente che lascia giornate intere la propria auto a ridosso delle panchine
Giardini pubblici ridotti ad un parcheggio abusivo. La situazione che da diverso tempo si registra all’interno dei giardini di San Bernardo, gli unici di tutto il centro storico, è al limite del grottesco. Giorno e notte capita sempre più spesso di trovarvi numerose automobili parcheggiate in prossimità delle panchine e dei giochi per bambini. Fino ad ora non c’è stato alcun intervento serio da parte dei vigili urbani e questo ha incoraggiato gli automobilisti indisciplinati, che considerano ormai l’interno dei giardinetti come un parcheggio libero dove arrivare la mattina di buon’ora e lasciare la macchina fino al termine del turno di lavoro, a reiterare in questo loro comportamento. Ma sono anche alcuni residenti della zona che hanno preso l’assurda abitudine di lasciare la macchina oltre il cancello d’ingresso che di giorno rimane aperto, mentre la sera viene puntualmente chiuso da un addetto del Comune. L’assessore ai Lavori Pubblici Enzo Proietti Grilli, che tra l’altro abita a pochi metri dall’ingresso dei giardini, minimizza il problema: “Capita talvolta di vedere delle automobili parcheggiate all’ingresso dei giardini – spiega – ma si tratta di qualche genitore che va a prendere il proprio figliolo nella scuola materna che si trova proprio dentro al parco pubblico, oppure degli addetti della ditta che fornisce i pasti alla scuola stessa. Non mi risulta che il fenomeno sia così esteso come mi dite voi”. Ma la gente non la pensa esattamente come l’assessore. “Anche stamattina (ieri n.d.r.) – spiega il nonno di una bambina della materna – accompagnando a scuola la mia nipotina, ho contato ben 7 autovetture ed un pulmino parcheggiate all'interno dei giardini. Le macchine erano state lasciate in modo tale che per entrare nell'asilo ho dovuto fare uno slalom prendendo in braccio la bambina perché con il passeggino era impossibile passare. Questo comportamento dura da molto tempo ma dopo le vacanze natalizie è addirittura peggiorato. E non c’è mai nessuno che controlli”. Se c’è gente che ha l’ardire di varcare il cancello d’ingresso del parco pubblico, figurarsi cosa accade nel piccolo slargo situato fuori dal cancello stesso. Qui ci sono macchine parcheggiate disordinatamente sia di giorno che di notte, ma anche in questo caso l’assessore Proietti Grilli sostiene che “capita raramente che qualcuno lasci l’auto in sosta in questo punto. A me capita di rientrare spesso di sera a tarda ora e non mi pare di aver mai notato situazioni critiche”. A smentire il convincimento dell’assessore sono però i fatti e basta farsi una giratina dopo le 8 di sera tra piazza Alberti e via san Bernardo per rendersi conto che di auto lasciate in sosta in luoghi addirittura inibiti al traffico ce ne sono parecchie.
13/1/2006 ore 5:19
Torna su