10/07/2020 ore 07:46
Schifanoia: i cittadini dicono di sentirsi trascurati dal Comune e si lamentano per la situazione in cui versa la piazza del paese
Dicono di sentirsi trascurati, quasi che il loro vivere ai margini dei confini territoriali fosse una colpa da pagare. Gli abitanti di Schifanoia e Moricone, due frazioni situate ai confini con i territori comunali di Calvi e di Otricoli, accusano l’amministrazione comunale di Narni di interessarsi poco dei loro problemi. “Sono decenni che chiediamo che la piazza del paese venga riqualificata – dicono gli abitanti di Schifanoia – ma i nostri appelli sono sempre rimasti inascoltati. Non ci vogliono mica dei miliardi per abbellire un po’ questo angolo del paese e per renderlo più accogliente!”. I cittadini della frazione reclamano anche la mancanza di un giardino pubblico: “Un angolo dove far giocare i nostri bambini in tutta tranquillità”. E poi segnalano la presenza di un muretto in via del Centro “che andrebbe rimesso a posto prima che qualcuno si faccia male”. L’assessore ai Lavori Pubblici Enzo Proietti Grilli ha fatto più di un sopralluogo nella frazione, promettendo interventi, ma le disponibilità economiche dell’amministrazione comunale sono quelle che sono e gli interventi da fare sul territorio sono tanti e vanno eseguiti nel rispetto di priorità oggettive. “La riqualificazione delle frazioni fa parte del nostro programma e pian piano cercheremo di intervenire ovunque”, ha detto l’assessore. Intanto a Moricone e Schifanoia, però, la gente continua a sentirsi trascurata. “Le guardie municipali le vediamo solo quando debbono essere notificate delle cartelle di pagamento a qualcuno di noi”, dice un signore mentre gioca a briscola nel bar vicino alla piazza, Non va meglio per quanto riguarda la manutenzione delle strade, la raccolta dei rifiuti e la pubblica illuminazione. “Ci sono persone anziani che devono trascinare il loro sacchetto di rifiuti per centinaia di metri fino al cassonetto, mentre quando si brucia qualche lampadina passano anche settimane intere prima che qualcuno da Narni venga a sostituirla”.
20/1/2006 ore 10:55
Torna su