17/10/2019 ore 22:03
Narni: tutto pronto in Comune per trasferire la sede dell'Ente Corsa sopra agli Scolopi, ma a Forza Italia la decisione non piace
Gli appartamenti situati dentro al palazzo dei Priori verranno presto riconsegnati alla città. Più che una promessa questa sembra essere la volontà degli amministratori comunali i quali anni fa avevano fatto un accordo con l’Ater (l’ex Istituto delle case popolari) per ristrutturare i numerosi appartamenti presenti sopra agli Scolopi. I lavori erano stati eseguiti a regola d’arte dall’Ater, ma una volta completati si sono inceppati gli ingranaggi della macchina burocratica e così sono passati alcuni anni senza che nessuno abbia mai potuto utilizzare tutte quelle stanze. Gli appartamenti sono rimasti lì a riempirsi di polvere e di escrementi di piccioni, i volatili, infatti, introducendosi attraverso le canne fumarie o direttamente dalle finestre aperte, hanno invaso tutte le stanze provocando seri danni. In tutto questo tempo non sono mancate le sollecitazioni da parte degli esponenti politici dell’opposizione i quali hanno chiesto con insistenza al sindaco di trovare una soluzione per gli appartamenti ristrutturati. L’allora consigliere repubblicano Piero Fiordi chiese più volte il perché quegli immobili fossero stati ristrutturati per non essere poi messi a disposizione dei cittadini. Sulla stessa onda anche Adiberto Favilli (Insieme per cambiare) il quale tempo fa aveva chiesto a Bigaroni il perché quegli appartamenti continuassero a rimanere vuoti. “Sono più di due anni che i cinque appartamenti sono stati ultimati e sarebbe ora che si provvedesse ad una loro manutenzione perché essendo stati lasciati in uno stato di totale abbandono, hanno subito un inevitabile deterioramento”. Favilli, insieme a Rifondazione Comunista, si era mosso affinché quei locali fossero utilizzati “in modo pratico ed intelligente” e che fossero messi “a disposizione dei narnesi che sono in cerca di un’abitazione ad un costo di affitto ragionevole”. Ora il Comune, che spiega i forti ritardi con i quali non ha fino ad oggi provveduto a dare una destinazione a questi immobili con la mancanza di fondi con i quali deve ancora oggi risarcire l’Ater per i lavori fatti, sembra aver preso una decisione. Probabilmente all’Ater, in cambio dei soldi, verrà proposta una permuta con altri locali restaurati di recente in piazza Galeotto Marzio e che l’ente potrebbe destinare a alle funzioni di edilizia residenziale pubblica. Così facendo per gli appartamenti sopra agli Scolopi si riaprirebbe la possibilità di realizzzare in alcune stanze la sede dell’Ente Corsa all’Anello, e destinare altri locali a sede di uffici pubblici. Ma c’è chi non è per niente d’accordo su una soluzione di questo tipo e vedrebbe invece di buon occhio un uso meno “rappresentativo” e più “popolare” di questi locali. E’ Sergio Bruschini (FI) il quale da tempo va sollecitando gli amministratori affinché si trovi una sede degna di tale nome per l’Ente corsa all’anello. “Non mi pare una grande idea quella di spostare la sede in uno degli appartamenti sopra agli Scolopi – spiega – piuttosto si vada avanti con il progetto iniziale che prevedeva la realizzazione della sede ufficiale dell’Ente a Palazzo Sacripanti in piazza Marzio.
14/1/2006 ore 11:30
Torna su