28/10/2020 ore 00:59
Operazione antidroga di Polizia e Guardia di Finanza, dieci persone arrestate e sequestro di ingenti quantitativi di eroina e cocaina
La Questura di Terni ha stroncato un considerevole traffico di sostanze stupefacenti. In particolare si tratta di eroina. Il traffico, stando a quanto comunicato dalla questura, era gestito da un’associazione criminale che importava la droga dall’estero, la “lavorava” ed, infine, la cedeva a terzi, per rifornire il mercato cittadino e alcune aree della Toscana. L'operazione è stata denominata “Alì Park”. Base logistica della redditizia attività illecita, sarebbe stato un "money-transfer" cittadino. Dieci le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Perugia, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di altrettanti indagati. Nello specifico si tratta di sei pakistani, due tunisini, un nigeriano ed un italiano. Essi sono ritenuti responsabili, a vario titolo, della violazione dell’art. 74 Legge 309/90 (associazione finalizzata al traffico stupefacenti). L’inchiesta, avviata dalla Procura della Repubblica di Terni, ha preso le mosse dal fermo di indiziato di delitto, per la violazione della normativa sugli stupefacenti, operato nel marzo 2019 a Ventimiglia dalla Squadra Mobile ternana, di un marocchino, residente in città, che si stava recando all’estero. L’attività, proseguita con il coordinamento della Procura della Repubblica di Perugia e con il supporto del Servizio Centrale Operativo, della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga e del Servizio Polizia Scientifica, ha consentito di far luce sul gruppo criminale, che riceveva lo stupefacente dal Pakistan, per lo più per via aerea. "La droga - si legge in un comunicato della Questura di Terni -, in alcune occasioni, veniva trasportata in forma solida, come fosse plastica o gomma per il rivestimento delle valigie, tanto da assicurare un perfetto occultamento ai 'corrieri'. L’eroina, una volta giunta a Terni, veniva poi sottoposta ad una procedura chimica per riacquisire la consistenza originale. La complessa ed articolata attività di indagine - prosegue la nota stampa della questura -, è stata resa possibile anche grazie alla collaborazione con il Gico (Gruppo d’Investigazione sulla Criminalità Organizzata) Sezione Goa (Gruppo Operativo Antidroga), della Guardia di Finanza di Ancona, con il quale sono stati operati ingenti sequestri di stupefacente ed arresti in tutta Italia. Complessivamente sono stati sequestrati oltre 12 chilogrammi di eroina e circa 300 grammi di cocaina e, sempre per la violazione della normativa sugli stupefacenti, sono stati effettuati ulteriori 6 arresti in flagranza di reato oltre ad un fermo di indiziato di delitto. E’ stato accertato che l’organizzazione aveva sul territorio ternano la disponibilità di almeno cinque appartamenti, dove occultava lo stupefacente per poi 'lavorarlo', ubicati fra la stazione ferroviaria e il quartiere di Borgo Bovio. All’esecuzione delle misure cautelari in carcere hanno partecipato, oltre alla Guardia di Finanza di Ancona, il Commissariato di P. S. di Empoli, la Squadra Mobile di Roma – due degli arrestati risultano domiciliati a Roma - il Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche, unità cinofile di Nettuno e il Reparto Volo della Polizia di Stato".
25/9/2020 ore 16:00
Torna su