19/12/2018 ore 10:59
Terni, tentano un furto al quarto piano di un palazzo ma vengono pizzicati dai carabinieri: due arresti
I carabinieri di Terni hanno arrestato due topi di appartamento. Il fatto è avvenuto in via Corona a Terni. Ad allertare i militari è stato il proprietario dell'abitazone presa di mira dai malviventi. L'uomo aveva ricevuto il segnale di allarme sul proprio cellulare ed aveva seguito le fasi del colpo "in diretta" streaming attraverso l'impianto di videosorveglianza. Immediata la chiamata al 112 ed altrettanto tempestivo è stato l'intervento dei carabinieri che sono arrivati sul posto con due pattuglie. I militari, giunti sul posto, hanno trovato il portone d’ingresso aperto e l'ascensore che stava scendendo a terra. All'interno della cabina c'erano tre persone ed una volta aperte le porte scorrevoli, i militari hanno chiesto ai tre uomini spiegazioni in merito alla loro presenza sul luogo e di esibire i documenti. Questi, per tutta risposta, tentavano di darsi alla fuga cercando di imboccare il portone del palazzo. Lesto l'intervento dei militari che hanno bloccato uno dei fuggitivi, un sessantenne campano pluripregiudicato per reati della stessa natura, che veniva sottoposto a perquisizione personale e trovato in possesso di numerosi arnesi da scasso, posti sotto sequestro. Gli altri due sono riusciti a filarsela ma uno di loro, un pluripregiudicato cinquantenne campano, ha avuto la sfortuna di incrociare, a pochi metri dal luogo del tentato furto, da un poliziotto fuori servizio che si è insospettito nel vedere l'individuo correre verso la sua direzione, coprendosi il volto ripetutamente con uno scalda-collo. A far comprendere appieno la situazione all'agente sono state le grida di un passante il quale asseriva che quella persona era scappata ai carabinieri. Il poliziotto ha così fermato il fuggitivo e lo ha condotto negli uffici della Questura, per gli accertamenti del caso. Nel frattempo i militari sono saliti al quarto piano, nellìappartamento preso di mira dai ladri, e qui hanno constatato che vi erano le porte di due diversi appartamenti aperte ed all’interno entrambi risultavano essere stati messi a soqquadro. Entrambi gli appartamenti avevano le rispettive porte d’ingresso gravemente danneggiate. All'interno, nonostante il grande disordine, sembrava non mancare nulla, segno che i malviventi non avevano fatto in tempo a portare a termine il colpo. Acclarata la partecipazione di entrambi i fermati all’azione delittuosa, essi sono stati dichiarati in stato di arresto e condotti, su disposizione del Pubblico Ministero, presso le camere di sicurezza del comando provinciale, dove hanno trascorso la notte in attesa del rito per direttissima celebrato stamattina a Terni. All’esito dello stesso, gli arresti sono stati convalidati ed i due malfattori tradotti in carcere.
28/11/2018 ore 18:35
Torna su