17/12/2018 ore 18:06
Terni: tenta di raggirare un 80enne alla stazione ferroviaria, arrestata una rumena di 34 anni
E’ stata arrestata dal Capo di Gabinetto della Questura di Terni, Giuseppe Taschetti, la donna che stamattina ha tentato di raggirare un anziano ternano. Il dirigente, intorno alle 11, si è trovato a passare per il parcheggio di piazza della Rivoluzione Francese, poco distante dalla stazione ferroviaria. A Taschetti non è sfuggita l’auto con a bordo un signore molto anziano ed una giovane donna. Il vice questore si è avvicinato ed ha chiesto i documenti: quasi 80 anni lui, ternano, 34 lei, cittadina rumena proveniente da Aprilia. Dal riscontro in banca dati è emerso che, a partire dal suo ingresso in Italia, avvenuto nel settembre 2012 a Bologna, la donna è stata controllata dalle Forze dell’Ordine ben 189 volte, 70 sono state le denunce per le violazioni ai divieti di ritorno emessi da comuni italiani, come Terni a fine 2017, Orvieto, Rieti e Viterbo, da dove è stata allontanata e denunciata ben 3 volte, oltre a denunce anche per furto aggravato. Mentre sul posto arrivava una pattuglia della Volante, l’anziano ha raccontato di essere stato avvicinato dalla donna che gli avrebbe proposto delle prestazioni sessuali. Al suo rifiuto, la rumena gli avrebbe chiesto dei soldi, dicendo che aveva fame, quando l’uomo glieli ha dati, lei lo avrebbe abbracciato in segno di riconoscenza. L'anziano è stato così invitato dagli agenti a controllare se per caso gli mancasse qualcosa ed è a quel punto che si è accorto che dal collo era sparita la sua catenina d’oro con il crocifisso. Resasi conto che le cose per lei si stavano mettendo male, la donna ha finto un malore, sdraiandosi a terra fra le auto parcheggiate. Gli agenti della Volante l’hanno aiutata a rialzarsi, sincerandosi delle sue condizioni e, contemporaneamente, controllando la zona: nascosta nel passaruota di una vettura,hanno trovato la catenina d’oro. Su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica, Barbara Mazzullo, la donna è stata accompagnata nelle celle di sicurezza della questura, mentre l’anziano signore, che ha riavuto la sua catenina che aveva per lui anche un valore affettivo, ha sporto denuncia nei suoi confronti ed ha ringraziato la Polizia di Stato per il tempestivo intervento. La Polizia di Stato invita pertanto tutte le persone, in particolare quelle più anziane, a non abbassare mai la guardia in presenza di sconosciuti e, in caso di uomini, a non cedere alle lusinghe di giovani donne che con modi suadenti cercano di avvicinarli per derubarli; in caso di situazioni sospette, non esitare ad avvertire immediatamente le Forze dell’Ordine.
31/7/2018 ore 18:18
Torna su